Coronavirus, aperta la pagina Facebook della Casa di Riposo di Paluzza

Come era stato anticipato ieri, è stata aperta la Pagina Facebook della Casa di Riposo “Matteo Brunetti” di Paluzza, con l’obiettivo di informare familiari, comunità e tutti gli interessati sulla situazione nella struttura dopo l’accertamento di 23 casi positivi al coronavirus.
Ecco le parole del direttore Alessandro Santoianni.

In una situazione così delicata ogni mezzo è utile per tenerci in contatto. In primis con i familiari comprensibilmente in apprensione per i loro cari.
Oltre quindi il contatto telefonico e le videochiamate, che abbiamo già effettuato nei giorni scorsi, da oggi ci dotiamo anche di questo nuova pagina.
Siamo consapevoli che è una via privilegiata di accesso, probabilmente non disponibile a chi è meno abituato a questi strumenti o non ha la possibilità materiali di connettersi.
Tuttavia riteniamo che possa essere un canale utile per diffondere le informazioni corrette e tenere vivo il contatto. Oggi che il contatto stretto è quello che più ci impaurisce, qui abbiamo bisogno di tenerlo vivo per affrontare insieme questa situazione che non avremmo mai voluto affrontare.
Come detto oggi tutti gli anziani non già sottoposti al tampone lo faranno oggi, grazie all’intervento degli operatori del Dipartimento di Prevenzione dell’Azienda Sanitaria.
A tal proposito voglio assicurare che l’Azienda Sanitaria, attraverso il Direttore Socio Sanitario, la Direttrice del Distretto della Carnia, la Referente infermieristica della Direzione dei Servizi Socio Sanitari e tutto il Dipartimento di Prevenzione sono quotidianamente in contatto e presenti presso di noi e, pertanto, stanno garantendo il massimo supporto possibile per supportarci a intraprendere le corrette strategie per limitare i rischi e le possibili conseguenze negative indotte dal contagio.
Si è già provveduti a concentrare gli anziani in un singolo reparto ed eventuali ulteriori persone interessate saranno qui dislocate.
Al momento le criticità riguardano un paio di persone, una già ricoverata l’altra sera ed una trasportata nella tarda serata di ieri in
Ospedale.
Ciò che desta maggiore preoccupazione è proprio l’improvviso insorgere di sintomatologie sospette poi accentuate dalla generale presenza di pluripatologie.
Sottolineo ancora una volta che ogni evoluzione sarà preventivamente comunicata ai familiari degli anziani interessati per condividere, seppure in queste straordinarie condizioni, ogni nostro intervento.

ALESSANDRO SANTOIANNI
Direttore ASP COVIL “Matteo Brunetti” Paluzza

Commenta con Facebook