Tanti appuntamenti per il tradizionale Carnevale Resiano

Ritorna a Resia, con un programma ricco e variegato, l’appuntamento con il tradizionale Carnevale resiano, che si concluderà mercoledì 26 febbraio.

Il Carnevale Resiano è una delle tradizioni più originali e antiche della Val Resia, che rievoca l’antico rito propiziatorio della fertilità.
La gente  si veste con due tipi di maschere tradizionali: le maschere belle e preziose chiamate “Lipe bile Maškire” e le maschere brutte chiamate i “Babaci o Kukaci“, vestiti di abiti vecchi e logori.
Al suono della musica tradizionale si balla per giorni, agitando sonaglietti e campanellini per risvegliare la primavera e con essa un nuovo ciclo vitale.
Momento culminante del passaggio è il Mercoledì delle Ceneri quando, all’imbrunire, si svolgono la processione, la condanna e l’esecuzione del “Babaz”, un fantoccio che rappresenta gli eccessi dei festeggiamenti del Carnevale.

PROGRAMMA

Sabato 22 febbraio
-ore 20.30, salone dell’associazione Sangiorgina e Osteria alla Speranza di San Giorgio: musiche e balli.

Domenica 23 febbraio
– escursione naturalistica “Il carnevale della natura”, a cura de “La Tana in Val Resia”. Info e prenotazioni entro venerdì 21 a info@tanavalresia.it / +39 351 8355949:
-stage di danze resiane con i componenti del gruppo folkloristico Val Resia. Info e prenotazioni entro venerdì 21 a gfvalresia@gmail.com / +39 388 3842696;
-ore 14.00, piazza di San Giorgio, musica e balli. In serata i festeggiamenti proseguiranno nel salone dell’associazione Sangiorgina e all’Osteria alla Speranza: musiche e balli.

Lunedì 24 febbraio
-ore 14.00, piazza dell’arrotino a Stolvizza: carnevale dedicato ai bambini con realizzazione del fantoccio, processione e rogo dello stesso, musica e animazione.

Martedì 25 febbraio
-ore 15.00, biblioteca comunale di Stolvizza: “il pagliaccio e i suoi amici raccontano”, storie divertenti in compagnia del pagliaccio e di altri personaggi fantastici.

Mercoledì 26 febbraio
-ore 19.00, San Giorgio di Resia: processione e funerale del babaz. A seguire musiche e balli presso il salone dell’associazione Sangiorgina e all’Osteria alla Speranza.

Sarà possibile visitare il museo dell’Arrotino di Stolvizza, sabato 22, martedì 25 e mercoledì 26 febbraio. Domenica 23 laboratorio didattico “Affiliamo” con la possibilità di farsi affilare gli utensili dagli arrotini.
Durante tutto il periodo sarà possibili visitare il museo etnografico di Stolvizza.

(foto di Christian Madotto)

Commenta con Facebook