Rsa e Case di riposo, Mentil non molla la presa: «Andiamo oltre le enunciazioni»

“Mi fa piacere che per la Rsa di Tolmezzo si operi per la riapertura, ma ribadisco è da febbraio ormai che si rimanda di mese in mese; servirebbe un po’ meno di “annuncite” e un po’ più di concretezza e visione”. Continua il botta e risposta tra il sindaco di Paluzza Massimo Mentil e il consigliere regionale della Lega Luca Boschetti, sul futuro della sanità e dell’assistenza sociale in montagna.

“Se le risposte che finora sono arrivate, sono identificabili nelle parole al vento – replica Mentil – allora si, Boschetti ha ragione. Proprio per questo ho usato quella metafora calcistica, consapevole che lui, quando giocava, la palla si non la buttava mai in tribuna ma ora ha imparato a farlo. Al di là di questo il problema delle strutture per anziani è drammaticamente reale e me lo riportano quotidianamente presidenti, direttori, operatori e famiglie degli ospiti accolti. Occorre solo ascoltarli. Non servono più enunciazioni e narrazioni ma atti concreti e in tempi rapidi perchè il sistema di gestione a livello territoriale si sta imbottigliando, con reparti e pronto soccorso che non reggono più”.

Sulle aree interne infine Mentil aggiunge: “Se Boschetti ha raccolto qualche critica di amministratori del territorio ne prendo atto ma lui in quanto sindaco fino al 2018 partecipava alle riunioni condividendo i progetti, progetti che scontano come appunto la sanità, le ripercussioni di due anni di pandemia, al pari di quello che avviene in tutte le altre regioni italiane”.