Biathlon, arriva dalla staffetta la prima vittoria stagionale in Coppa del Mondo di Lisa Vittozzi

Lisa Vittozzi, assieme a Dorothea Wierer, Dominik Windisch e Lukas Hofer, trionfa nella staffetta mista di Coppa del Mondo di biathlon.

Il grande risultato è arrivato nella prova di Kontiolahti.

In prima frazione l’Italia ha schierato Dorothea Wierer, che con tre ricariche in entrambe le serie ha cambiato al sesto posto a 18″ dalla leader Slovacchia.
E’ poi partita Lisa Vittozzi, che al poligono effettua una sola ricarica ed esce dal poligono seconda a 3″ dalla francese Bescond.
Nella serie in piedi Italia e Francia sono arrivate assieme ed entrambe sbagliano molto: Lisa deve effettuare un giro di penalità, la Bescond due. Nonostante ciò, la sappadina esce quarta a soli 9″ dalla leader Russia e dà il cambio a Dominik Windisch quinta ma a meno di 7″ dalla Slovacchia, passata in testa.

Windisch effettua due ricariche a terra e dopo il quinto poligono l’Italia è quarta a 20″ dalla Russa, che con Malyshko comanda la gara. Nella serie in piedi l’azzurro è perfetto cambia terzo in scia a Ucraina e Norvegia.
All’ultimo cambio la situazione vede l’Italia davanti con circa 4″ su Norvegia, Russia e Ucraina. David Hofer si presenta al primo poligono e centra tutti i bersagli, ma lo stesso fanno anche i tre avversari (il russo Tsvetkov, l’ucraino Pidruchnyi e il norvegese Tarjei Boe), che quindi all’uscita sono sostanzialmente ancora tutti assieme e così si presentano all’ultima serie della gara, quella in piedi. Hofer commette un errore, così come Norvegia e Ucraina, mentre il russo è preciso ma lento. All’uscita l’Ucraina è davanti con poco più di 5″ sulle tre squadre avversarie.

Nell’ultima fase un fantastico Luca Hofer allunga e porta l’Italia al trionfo davanti a Ucraina e Norvegia, per la prima vittoria di sempre degli azzurri in questo format di gara.

Per Lisa in particolare è il secondo successo in Coppa del Mondo.

Domenica la tappa finlandese si chiude con le mass start. La 12.5 km femminile prenderà il via alle 16.10.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *