Sport: in Friuli gli Eyof 2023, il Festival Olimpico della Gioventù Europea

Il Friuli Venezia Giulia ospiterà gli EYOF invernali del 2023.

L’assegnazione è avvenuta questa mattina nel corso della 47° Assemblea Generale dei Comitati Olimpici Europei in corso a Marbella, in Spagna.

A presentare il progetto italiano dell’edizione invernale dell’European Youth Olympic Festival 2023 è stato il Presidente del CONI, Giovanni Malagò, insieme al Presidente del Comitato Regionale e membro del Consiglio Nazionale, Giorgio Brandolin.

La delegazione italiana era completata dal Segretario Generale del CONI, Carlo Mornati, dall’Assessore al lavoro, formazione, istruzione, ricerca, università e famiglia del Friuli Venezia Giulia, Alessia Rosolen e dai project manager del progetto Maurizio Dunnhofer (presidente del Comitato FISI FVG) e Giulia Kandutsch.

Gli Eyof, nati nei primi anni ’90, sono il principale appuntamento in Europa per quanto riguarda il settore giovanile, in particolare i ragazzi fra i 14 e i 18 anni. Nell’ultima edizione, disputata lo scorso anno a Erzurum (Turchia), sono state complessivamente nove le discipline previste, fre le quali sci alpino (con Lara Della Mea bronzo nello slalom), fondo, biathlon, snowboard e salto; complessivamente gli atleti partecipanti sono stati 646, provenienti da 34 nazioni, a conferma dell’importanza dell’evento.
La prossima edizione invernale si svolgerà fra qualche mese a Sarajevo (Bosnia), nel 2021 appuntamento a Vuokatti (Finlandia), poi nel 2023 ecco il Friuli Venezia Giulia. E’ la seconda volta che l’Italia ospita gli Eyof invernali dopo l’edizione inaugurale del 1993 ad Aosta. Il nostro paese ha organizzato in una sola occasione gli Eyof estivi, sempre nella nostra regione, ovvero a Lignano Sabbiadoro nel 2005.

Una grande opportunità, quindi, per il movimento sciistico, turistico ed economico della Regione FVG.

“L’entusiasmo con il quale viviamo oggi l’aggiudicazione di Eyof Fvg 2023 – afferma il governatore Massimiliano Fedriga – deve unirsi, da domani, alla consapevolezza della straordinaria opportunità rappresentata da un evento che, attraverso la valorizzazione dei giovani, garantirà un importante ritorno complessivo a tutta la nostra regione”.

“La notizia che ci arriva oggi da Marbella – prosegue Fedriga – è dunque motivo di orgoglio e responsabilizzazione per una comunità, la nostra, colpita duramente dal recente maltempo ma che, con rinnovata energia e straordinaria determinazione, ambisce a tagliare nuovi importanti traguardi in ambito sportivo e turistico”.

“Educazione, cultura, giovani e Dolomiti – commenta Rosolen – sono le parole d’ordine di Eyof Fvg 2023, manifestazione per la quale il governatore Fedriga ha già valutato positivamente piano economico e finanziario”.

“Tutti si devono sentire coinvolti”, fa eco Dunnhofer, ringraziando Fedriga “per avere compreso e sostenuto convintamente un evento che, nei fatti, è una vera e propria olimpiade giovanile continentale”.

“Forti dell’esperienza acquisita con l’Universiade 2003 – aggiunge il project manager – lavoreremo affinché Eyof Fvg 2023 si concretizzi come un volano complessivo per il Friuli Venezia Giulia”.

Soddisfatto anche Brandolin che, evidenziando il determinante apporto della Regione per ottenere il festival invernale e ringraziando per la fiducia presidente e segretario generale di Eoc, Janez Kocijancic e Raffaele Pagnozzi, sottolinea anche le parole di elogio da parte del presidente nazionale del Coni, Giovanni Malagò, nei confronti della capacità organizzativa sportiva dell’estremo Nordest d’Italia.

I dettagli di Eyof Fvg 2023 saranno illustrati nei prossimi giorni, nel corso di una conferenza stampa a Trieste, nella sede della Regione.