I sindaci “anti” Uti e la Provincia al contrattacco

Il presidente della Provincia di Udine Pietro Fontanini è intervenuto all’incontro promosso dai Comuni ricorrenti che si è svolto stamane a palazzo Belgrado riguardo alla riforma degli Enti Locali e agli scenari futuri alla luce delle recenti pronunce del Tar Fvg. Il presidente ha espresso soddisfazione relativamente alle sentenze che, ha sottolineato, di fatto, stoppano il potere coercitivo della Regione Fvg nei confronti dei Comuni.

Tra i due dispositivi del tribunale amministrativo regionale, certamente quello più significativo riguarda, ha evidenziato il presidente,  l’illegittimità dei Commissari. Si apre dunque un nuovo capitolo per questa riforma caratterizzata da grandissima confusione (prova ne sono le modifiche intervenute dopo la sua approvazione, nel dicembre 2014). Una situazione, secondo il presidente, causata dalla volontà dell’esecutivo regionale di agire in fretta e senza la necessaria concertazione con i territori (anch’essi favorevoli al cambiamento ma in forma condivisa e volontaria) e senza prendere nella dovuta considerazione le conseguenze di questi cambiamenti, tra cui i ricorsi al Tar con tutti i riflessi del caso sulla medesima riforma.