Ricordate le vittime dell’Eccidio della Valle del Bût nel luglio 1944

Si sono svolte ieri le commemorazioni ufficiali del 78° anniversario dell’Eccidio della Valle del Bût.

Durante la mattinata sono state deposte le corone d’alloro a ricordo delle vittime, partendo da Arta Terme (cimitero di Piano d’Arta), passando poi per Paluzza (lapide in Piazza XXI-XXII luglio), Cercivento (sul Ponte Gjai presso il cippo dei partigiani caduti), con conclusione sul Ponte di Sutrio.

Qui, dopo i saluti del sindaco Manlio Mattia e la relazione ufficiale del consigliere regionale Massimo Moretuzzo, al suono della tromba è stata deposta la corona accanto al monumento ai caduti del 21-22 luglio. Un momento di silenzio e poi un caloroso applauso da parte di tutti i presenti.

Inoltre venerdì 15 sul Ponte di Noiaris si era svolta la commemorazione dell’Eccidio del 15 luglio 1944 in cui persero la vita Aulo Magrini, Ermes Solari e Vito Riolino.

“La speranza è che le nuove generazioni imparino dalla storia evitando gli errori passati e cooperando sempre per il bene comune”, afferma l’assessore alla Cultura di Sutrio Sara Morocutti.

Le iniziative proseguiranno anche questa settimana.