Raccolti 25 quintali di rifiuti al Raduno Carnia 4×4

quadSi è svolto nella prima domenica di luglio il tradizionale Raduno Carnia 4×4 Memorial Titta Concina.
Con partenza da Tolmezzo, il cui Comune ha concesso il patrocinio, ed arrivo a Villa Santina, lungo un tracciato di 82km, i fuoristradisiti ed i “quaddisti” si sono disputati le prove di guida in fuoristrada prima e la tradizionale raccolta dei rifiuti poi.
Le condizioni meteo, particolarmente bizzarre quest’anno, hanno offerto una giornata molto nuvolosa, fresca, ed un po’ di pioggia proprio durante la cena e le premiazioni; questo ha influito sul numero di partecipanti, che non ha raggiunto quota 50, numero massimo stabilito dall’organizzazione per non creare problemi in alcuni passaggi, ma si è fermato a quota 41 più gli ospiti provenienti dal Qatar, che hanno apprezzato particolarmente la parte di percorso tra gli alberi e nel bosco. Tra tutti i concorrenti anche 9 quad, del Club Malgalivi, che ogni anno si ritrovano in Carnia proprio per sfidarsi sui tracciati realizzati dai Fuoristrada Club Tolmezzo, capitanati da Valter e Stefano Marcon.
fuoristrada2Il percorso ha toccato diversi comuni quali Tolmezzo, Cavazzo, Verzegnis, Villa Santina ed Enemonzo; proprio in quest’ultimo è stata realizzata una sosta particolare presso il Caseificio Val Tagliamento. I prodotti gastronomici della Carnia hanno caratterizzato tutta la manifestazione, ad iniziare dalla partenza del mattino con la colazione a base di dolci della Pasticceria De Marchi.
Lungo il tracciato le sfide principali erano due: la guida in fuoristrada e la raccolta dei rifiuti. Caratteristica quest’ultima molto importante, poichè il club organizzatore vuole far comprendere come i fuoristradisti siano atenti all’ambiente e non viceversa. Così, come tutti gli anni, lungo il tracciato vengono raccolti i  rifiuti, portati dalle piene dei fiumi od altro, poi si raggiunge la piazzola ecologica, dove un operatore, sempre estremamente disponibile, aiuta i partecipanti a scaricare il “bottino”, che quest’anno ha raggiunto i 26 quintali, con prevalenza di materiale ferroso.
Nuova immagine3Il premio più ambito di questa edizione, l’idropulitrice Karcher, è stata vinto dall’equipaggio di Alessandro Tonut e Simone Medeot di Capriva del Friuli con un Toyota, che pur di caricare tutto si sono inventati uno strano portapacchi sul tetto del mezzo. legato con una strop.
Per quanto riguarda le prove di guida in fuoristrada, tra salti, guadi ed ostacoli, la vittoria nella categoria delle auto è andata al Nissan Patrol di Andrea Qualizza e per quanto riguarda la decennale sfida dei quad si è imposto Diego Sartor con il suo Renegade 1000.
Le premiazioni si sono svolte nell’ambito della splendida pineta di Villa Santina, dove al Laghetto si sono assaporati ottimi prodotti come polenta, frico, griglia e festeggiato il 20simo anniversario consegnado a tutti i partecipanti oltre ai premi, gli ottimi prodotti Ma.Fra per ripulire i veicoli dopo la giornata in off-road.