Morte di Elisa Valent, i giudici spagnoli riaprono l’inchiesta

Il tribunale spagnolo di Amposta, in Catalogna, ha deciso di riaprire l’investigazione penale sull’incidente del bus Erasmus costato la vita nel marzo scorso a 13 studentesse, sette delle quali italiane – tra cui la friulana Elisa Valent di Venzone – accettando il ricorso contro l’archiviazione disposta lo scorso novembre presentato dalle famiglie delle vittime.
Un nuovo giudice istruttore dovrà procedere all’interrogatorio dell’autista del bus, rimasto gravemente ferito nell’incidente, che non era stato sentito dal precedente magistrato. In una decisione datata 9 gennaio, il nuovo magistrato ha definito “essenziale” che l’autista venga sentito “senza ritardo” per valutare una “eventuale responsabilità penale”. Il nuovo gip ha ricordato fra l’altro, riferisce Efe, che in diverse sentenze la sonnolenza al volante è stata considerata in Spagna “conducta temeraria” (“guida temeraria”).