I Musei delle Dolomiti lanciano la nuova campagna #DolomitesMuseum

Trenta operatori dei Musei delle Dolomiti (tra i quali ci sono il Museo del Territorio di Dogna, l’esposizione naturalistica “Preone 200 milioni di anni” e il Museo Geologico della Carnia di Ampezzo) si sono ritrovati giovedì 25 marzo all’interno di un workshop virtuale per progettare, insieme, la nuova campagna #DolomitesMuseum. Lo scorso anno l’iniziativa ha coinvolto più di trenta musei e migliaia di utenti della rete in un racconto corale del patrimonio dolomitico, permettendo di dare risalto ad aspetti specifici della cultura e della vita nelle Dolomiti, con i musei alla guida della campagna. Gli utenti sono veri e propri spettatori online dei contenuti evocativi e spesso inediti pubblicati dai musei, ma sono anche chiamati ad aggiungere pezzi alla narrazione, attraverso la condivisione sul proprio profilo social di storie e memorie che rispondono ai temi proposti.

La nuova edizione della campagna #DolomitesMuseum si svolgerà tra il 3 maggio e il 6 giugno, con cinque nuovi hashtag che verranno tradotti in lingua italiana, inglese e tedesca. Nel mirino dei musei troviamo un panorama variegato di tematiche: si spazia tra passeggiate e ‘insoliti sentieri’; si indaga il ruolo della donna nel contesto montano; e ancora, come le comunità hanno abitato – ed abitano oggi – le Dolomiti? Luoghi dove, fra l’altro, patrimonio orale e ricchezza linguistica sono grandi protagonisti. Queste alcune delle riflessioni degli operatori, pronti a guidarci in un’immersione di storie.

I musei hanno inoltre salutato la stagione invernale con la pubblicazione di un Glossario digitale sulla piattaforma DOLOM.IT, che racconta termini specifici eD espressioni legate alla neve presenti nel territorio delle Dolomiti: in un anno di nevicate eccezionali scopriamo che abbondano anche i detti legati a questo fenomeno. E il bello di questo glossario è la sua origine: è stata la partecipazione della community dei social a riportare a galla la ricchezza del patrimonio orale di questo territorio e a dare vita a questa raccolta in continua evoluzione.

E non è finita qui: un’altra novità firmata Musei delle Dolomiti è l’inaugurazione di una nuova Newsletter, che ha spiccato il volo per la prima volta nel mese di marzo. Si tratta di un appuntamento che permetterà agli utenti di conoscere ed esplorare le collezioni dei musei e i racconti all’interno di Officina di Storie, lo spazio digitale condiviso all’interno del museo virtuale DOLOM.IT.

Tutte queste iniziative nascono all’interno del progetto ‘Musei delle Dolomiti’ promosso dalla Fondazione Dolomiti UNESCO, che dal 2019, ha creato nuove e profonde sinergie tra i musei delle cinque province dolomitiche. Officina di Storie, in particolare, con le sue 1000 risorse digitali è divenuta uno spazio di approfondimento e racconto in continua evoluzione, al quale hanno libero accesso sia curatori e operatori dei musei che la più vasta comunità degli appassionati di cultura e del patrimonio dolomitico.

“Siamo molto fieri dei progetti che i musei stanno mettendo in campo con passione. Guardiamo con fiducia al futuro: il dialogo tra musei, ecomusei e centri di cultura sul territorio sono le condizioni necessarie perché si generi la giusta valorizzazione di questo patrimonio inestimabile”: queste le parole di Mario Tonina, presidente della Fondazione Dolomiti UNESCO, ad aprire un nuovo anno di lavori dei #DolomitesMuseum.

(nella foto l’esposizione naturalistica “Preone 200 milioni di anni”)

 

Commenta con Facebook