Barazzutti contro Brollo sul futuro di Carniacque

Si surriscalda il dibattito sui destini di Carniacque. Dopo l’allerta lanciata dal presidente della società Fabrizio Luches rispetto alle decisioni intraprese dal CATO, dopo le spiegazioni fornite dal sindaco di Tolmezzo Francesco Brollo sull’obbligato percorso di fusione con il CAFC e dopo l’affondo di oggi del responsabile di Forza Italia per l’Alto Friuli Luigi Cacitti, arrivano le dichiarazioni di fuoco di Franceschino Barazzutti, del Coordinamento dei Comitati di difesa territoriale della montagna friulana.

 

“Ha la coda di paglia il sindaco di Tolmezzo, Brollo – attacca Barazzutti – dal momento che, prima mi rivolge un invito – da me accettato – ad incontrarlo nel suo ufficio per uno scambio di opinioni sul servizio idrico, ma poi mi rivolge un attacco sulla stampa, nonostante gli abbia cortesemente messo a sua disposizione un’abbondante documentazione sia sugli indirizzi centralizzatori e speculativi su tale servizio, negativi per la nostra montagna, sia sui modelli gestionali attuati positivamente in altre regioni a statuto speciale.

Forse, il sindaco Brollo – prosegue Barazzutti – sul modello ora in auge per cui chi ha un ruolo istituzionale di “comando” vuole sentirsi dare ragione dal suo interlocutore, pena essere definito “gufo”,  non ha apprezzato che nella conversazione, cordiale, e nelle dichiarazioni alla stampa io abbia esposto quelle che sono le mie convinte  posizioni al riguardo non coincidenti con le sue, sulle quali egli mette sbrigativamente il timbro ora in auge “populiste”, anche se attuate positivamente nel Trentino a statuto di autonomia speciale come la nostra Regione. Populista anche la Giunta del Trentino?

Foto di gruppo dei rappresentanti dei vari comitati carnici durante una conferenza stampa del 2013
Foto di gruppo dei rappresentanti dei vari comitati carnici durante una conferenza stampa del 2013

Posizioni le mie, espresse in passato e nel presente, che ritengono sbagliata la centralizzazione della gestione del servizio idrico nei territori montani. Posizioni confermate dal fallimento dell’esperienza di Carniacque – prosegue ancora l’esponente dei comitati – Grave è che da questa esperienza negativa non si voglia imparare nulla, anzi si va a centralizzare ulteriormente il servizio addirittura nel friulano Cafc, paghi di qualche contentino a venire, mentre nella sostanza la Carnia perde, dopo le acque, tribunale, servizi postali, CoopCa, ecc,  persino l’acqua del rubinetto! Questa è la coda di paglia del sindaco Brollo. Ma lui è pago! Ma a pagare è la gente.

Il sindaco Brollo, anziché nascondersi frequentemente dietro al “lo vuole la legge”, ricordando che le leggi non le scolpisce Mosè sul monte Sinai ma gli uomini conformemente a determinati interessi che non considerano la montagna, farebbe bene, vista la sua vicinanza alla Presidente ed assessore alla montagna Serracchiani, a chiedere assieme agli altri sindaci della Carnia  una legislazione aderente ai bisogni della montagna.

Non è Barazzutti – che non ha tanto potere – a “mettere in cattiva luce i sindaci” ma la continua caduta della Carnia e, nel caso di Tolmezzo, il fatto che non si vede nessun “lusôr” a meno che non ci si accontenti con qualche trionfalismo del “lumìn” acceso in quello che era il tribunale.

Si chiede Brollo, in relazione alle mie posizioni da lui definite populiste, a cosa mi sia giovata “l’esperienza e l’importante passato di amministratore pubblico”. Rispondo che mi è servita ad osare per uscire dall’ordinarietà, a tenere la schiena dritta anche di fronte a chi stava più in alto di me. Per questo sono stato rispettato e non adoperato. Ciò, diversamente dalle troppe schiene che si piegano come giunchi davanti ai “superiori” sino a diventare trasmettitori in loco della di loro volontà anzichè far valere in alto la volontà di chi sta in basso.

Al sindaco Brollo, nonostante l’opaca partenza della sua amministrazione – conclude –  auguro di riuscire a fare almeno un po’ di quanto fece tanti anni fa l’allora  sindaco di Cavazzo Carnico Barazzutti”.

 

 

 

Commenta con Facebook

I commenti sono chiusi