Via libera nella notte all’ultima manovra di stabilità Fvg della giunta Serracchiani

Il Consiglio regionale del Friuli Venezia Giulia ha approvato dopo la mezzanotte la manovra di stabilità 2018 da 4 miliardi, ultima della Giunta Serracchiani. L’espressione finale ha visto consiglieri di maggioranza votare a favore e astenersi Mauro Travanut (Mdp) e Pustetto (Misto). Contrarietà da centrodestra e Movimento 5 Stelle. La posta principale è costituita da sanità e da politiche sociali, 2,6 miliardi. Il riparto copre in gran maggioranza le spese correnti del settore salute e conta fra l’altro 7,5 milioni investiti su corsi di specializzazione aggiuntivi per la formazione di nuovi medici, con il requisito che risiedano da almeno tre anni in FVG. Si riduce da 50 a 30 milioni l’esborso per la misura di sostegno al reddito, grazie all’integrazione con l’analogo provvedimento statale. I trasferimenti alle Autonomie locali sfiorano i 455 milioni.

Lavoro, formazione e istruzione incassano 75 milioni, mentre sono quasi 380 quelli destinati a infrastrutture, edilizia, trasporti e lavori pubblici. Le ultime voci sono costituite da 63 milioni per attività produttive e turismo, 36 per l’ambiente, 40 per i contributi carburante, 61 per cultura e sport, 48 per l’agricoltura, 9 per la protezione civile e 5 per la montagna. Il Consiglio vara l’assegnazione di 100 milioni per realizzare le intese per lo sviluppo delle Uti. Il testo definisce inoltre i risparmi ottenuti dalla soppressione delle Province: quasi 36 milioni, che serviranno anche per difendere le decisioni in merito al rinnovo del contratto dei dipendenti pubblici locali. Alle voci scuola e lavoro, si segnala la destinazione di 2.000 euro per ciascuna scuola priva di preside, per incentivare l’assunzione temporanea del ruolo da parte di un insegnante. Previsti inoltre 500 mila euro per incoraggiare le imprese ad assumere neomadri con contratti a tempo indeterminato.

Dopo lungo dibattito, viene approvato l’emendamento, che autorizza l’amministrazione regionale, in qualità di socio di Banca Mediocredito FVG, a negoziare, e al caso perfezionare, un’alleanza con Iccrea Banca Spa (gruppo Iccrea) attraverso un aumento di capitale riservato. L’aula vota anche i due articoli del disegno di legge n. 240 “Bilancio di previsione per gli anni 2018-2020 e per l’anno 2018”. I lavori hanno infine registrato la disponibilità della Giunta ad accogliere 33 dei 42 ordini del giorno ricevuti.

“Una manovra finanziaria che compie onorevolmente una legislatura tutta dedicata alla ripresa e alla solidarietà”. Così la presidente della Regione Debora Serracchiani ha commentato l’approvazione della legge di stabilità del Friuli Venezia Giulia. “Abbiamo governato con equilibrio e convinzione – ha aggiunto Serracchiani – orientando le risorse sui grandi filoni delle imprese e delle infrastrutture, dei saperi e dell’ambiente, della salute e del benessere comune. Rispetto a cinque anni fa il Friuli Venezia Giulia presenta bilanci più solidi, una struttura finanziaria razionalizzata, entrate sempre più affidabili e – ha continuato – una degna capacità di spesa”. L’assessore regionale alle Finanze Francesco Peroni ha definito la manovra “coerente alle politiche di questo ciclo di governo regionale, che destina risorse cospicue agli obiettivi sociali. In sintesi, risposte concrete ai bisogni della nostra comunità, in un quadro di risorse incrementato sensibilmente, grazie – ha precisato – ai nuovi rapporti finanziari con lo Stato”.