Un libro di schede didattiche in friulano per conoscere il territorio di Trasaghis

Verrà presentato venerdì 23 settembre alle 20, nella Scuola Primaria di Alesso, il libro “Par cognossi i nestris paîs”, un percorso a schede didattiche, redatte tutte in friulano, per guidare gli alunni alla scoperta del territorio comunale di Trasaghis.

Il libro viene pubblicato dopo un lavoro decennale, che ha visto l’avvicendarsi di alcuni insegnanti e la presenza costante di altri, per progettare una serie di unità didattiche capaci di avvicinare gli alunni alla conoscenza delle caratteristiche dell’ambiente che li circonda. Al progetto ha collaborato anche il Centro di Documentazione del Comune di Trasaghis, con l’indicazione di suggerimenti bibliografici e di materiali utili all’approfondimento delle varie tematiche.

Il materiale è calibrato per fasce di età e quindi per livelli di interesse, di capacità, di curiosità: si va dalla scoperta dei paesi del territorio (“Ator pai paîs”), dell’alimentazione tipica (“Bevint e mangjuçant robis di chenti”), dei segni della religiosità popolare (“I segns dal timp e de fede”), delle tradizioni locali (con particolare spazio riservato alla festa dei coscritti) per arrivare, con gli alunni più grandi, ad un articolato percorso di scoperta delle caratteristiche del territorio (“Zirant pai nestris lûcs”).

I fondi necessari alla stampa della pubblicazione sono stati raccolti grazie al sostegno dell’Ecomuseo della Val del Lago attraverso i fondi stanziati dalla Regione per gli Ecomusei. La revisione della grafia è stata curata da Raffaella Picco dello Sportello per il friulano dell’Arlef, organismo  che ha dato il suo patrocinio all’iniziativa didattica riconoscendone la validità. Manuel Stefanutti ha curato la grafica, la tipografia Menini la stampa.

Nel corso della serata, dopo l’intervento del Dirigente Scolastico e dei rappresentanti degli insegnanti, dell’Ecomuseo, dell’Arlef e del Comune di Trasaghis, sarà l’esperta di friulano Marisa Comelli a illustrare le caratteristiche del lavoro, le cui schede didattiche saranno presto utilizzate nella Scuola e potranno magari servire a modello di altre iniziative similari in altre scuole friulane.