Turismo: in Fvg 81% di camere prenotate ad agosto, la media italiana è del 62%

In Friuli Venezia Giulia nell’estate 2022 il tasso di occupazione delle camere destinate alla ricettività turistica ha superato quello medio italiano, con un 81,2% di camere prenotate ad agosto, contro una media italiana del 62%.

E’ quanto emerge da un’indagine campionaria, con carattere previsionale, effettuata a giugno 2022 da Isnart, società del sistema camerale italiano che supporta le istituzioni e le imprese del comparto turistico.

L’indagine è stata presentata oggi in occasione della Giornata Mondiale del Turismo e nell’ambito del secondo Osservatorio sull’Economia del Turismo delle Camere di Commercio Pordenone-Udine e Venezia Giulia.
Per quanto riguarda i turisti “intra-regionali”, secondo la ricerca le imprese hanno registrato clientela stabile nel 50,7% dei casi e in aumento nel 43,7%. Percentuali simili per gli italiani provenienti da altre regioni, mentre gli stranieri sono risultati in aumento per il 48,4% delle imprese (valore superiore a quello registrato per gli italiani) e stabili nel 46,7%.
Isnart, in collaborazione con le due Cciaa regionali, ha anche completato una prima “sentiment analysis” dettagliata su due località turistiche simboliche, Dolomiti Friulane e Grado.
Sono risultati ampiamente positivi, con l’87% per le Dolomiti friulane e il 78% per Grado, i giudizi espressi dai visitatori nel 2021. In particolare, per la destinazione Dolomiti Friulane, la “percezione complessiva” e l'”esperienza individuale” sono state giudicate positivamente in quasi 9 recensioni su 10. Anche a Grado la “percezione complessiva” è stata giudicata positivamente in quasi 9 recensioni su 10.