Servizi ecosistemici, sinergia fra Consorzio Boschi Carnici e Comune di Sappada

Alla presenza dei sindaci di Ampezzo Michele Benedetti e di Socchieve Coriglio Zanier, il presidente del Consorzio Boschi Carnici Luigi Cacitti,assieme all’assessore Giuseppe Mareschi, ha incontrato nella sede di Tolmezzo il sindaco di Sappada Manuel Piller Hoffer e il vicesindaco Valerio Piller Roner.

Scopo della riunione, discutere della Certificazione dei Servizi Ecosistemici generati da boschi e piantagioni gestiti in maniera “sostenibile”, di cui allo Standard PEFC ITA 1001-SE:2021 e del patrimonio boschivo del Comune di Sappada, a fronte delle modifiche legislative derivanti dal passaggio alla Regione FVG.

Cacitti ha evidenziato come il Consorzio, primo ente in Italia a essere certificato in merito, stia portando avanti un’importante opera di sensibilizzazione e aggregazione delle amministrazioni comunali al fine creare una potenziale offerta appetibile per i grandi enti e aziende interessati. L’Assemblea consortile ha già approvato un apposito regolamento per regolare i rapporti Consorzio/Amministrazioni comunali ed è in avanzata fase di predisposizione la convenzione attuativa.

I rappresentanti di Sappada, evidenziando che il proprio patrimonio ammonta a circa 1735 ettari di bosco, hanno posto l’accento sulla necessità di un nuovo piano forestale e di verificare la possibilità di coinvolgere nell’iniziativa anche il Consorzio “Digola”, che nel recente passato ha notevolmente contribuito a valorizzare il patrimonio boschivo della vallata. Si consideri che per il Comune di Sappada i tagli annuali pre-Vaia ammontavano a circa 1500 – 2000 mc, mentre a seguito della catastrofe ad oggi sono stato allestiti oltre 80.000 mc.

Cacitti ha manifestato l’impegno del Consorzio a supportare l’amministrazione comunale di Sappada per le cosiddette “certificazioni carbonio” e per la definizione del nuovo piano forestale, esponendo la disponibilità dell’Ente ad interloquire anche con il Consorzio Digola al fine di cercare la miglior soluzione operativa possibile. 

Al termine della riunione, gli amministratori, soddisfatti dalle risultanze dell’incontro, hanno ribadito la volontà di gestire assieme al Consorzio la Certificazione dei Servizi Ecosistemici, chiedendo l’invio dell’apposita delibera per la necessaria formalizzazione.