Ritorna il sereno dopo l’ondata di maltempo, record di pioggia ad Uccea

Va migliorando lentamente la situazione del maltempo in Friuli. Dopo il passaggio del fronte atlantico ieri mattina con precipitazioni intense nell’arco della giornata ed anche ieri sera che hanno causato numerosi allagamenti e l’esondazione di alcuni rii e il raggiungimento di livelli di guardia per fiumi e loro affluenti, il maltempo va attenuandosi. Al momento uno dei problemi più forti è l’allagamento di alcune strade che frane-prot-civileimpedisce od ostacola la circolazione stradale. Da stamani sono inoltre riprese le ricerche dell’anziano di 80 anni di Manzano scomparso, e che erano state sospese ieri sera. Vigili del fuoco e volontari della Protezione civile continuano ad operare perché la situazione torni alla normalità.

La Protezione Civile della Regione FVG ha diffuso anche questa mattina una allerta segnalando che i livelli idrometrici dei corsi d’acqua sono tutti rientrati sotto i livelli di presidio e nelle prime ore di oggi sono scesi sotto i livelli di guardia. Le precipitazioni più forti nelle ultime 48 ore si sono registrate in località Uccea, nel comune di Resia (191 millimetri) ed a Tribil Inferiore (Stregna, 184). I fiumi Isonzo, Vipacco, Judrio e Torre hanno raggiunto la portata massima nella serata di ieri, poi i livelli sono cominciati a scendere. Infine, la piena del torrente Corno di Cividale è stata contenuta nel bacino di laminazione esistente a monte di Corno di Rosazzo e Delegnano; analogamente è stata contenuta la piena del torrente Cormor a Sant’Andrat.

Commenta con Facebook