Riorganizzazione societaria per il Gruppo Pelfa di Buja

Martedì 26 luglio sono stati sottoscritti gli accordi per il perfezionamento di un’articolata operazione di riorganizzazione societaria del Gruppo Pelfa di Buja, fondato nel 1979 da Redento Fabbro e da lui guidato per oltre 40 anni, specializzato nella produzione di impianti, macchine, componenti meccanici ed elettrosaldati destinati a diversi settori industriali (siderurgico, metalmeccanico, delle energie rinnovabili).

Il Gruppo impiega oltre 100 dipendenti, si occupa del processo produttivo nella sua interezza: dall’acquisizione dell’ordine alla fornitura del prodotto “chiavi in mano”, passando per la gestione completa della commessa, la progettazione, l’acquisto della materia prima, l’acquisto della materia prima, le operazioni di taglio della lamiera e dei profilati, la pressopiegatura, la calandratura, la saldatura, i trattamenti termici, le lavorazioni con macchine utensili, la sabbiatura, la verniciatura, il montaggio, il collaudo meccanico finale e l’installazione in loco. 

La dotazione di impianti, la professionalità dei collaboratori ed il know how acquisito ne fanno un punto di riferimento nel settore a livello regionale ed extra-regionale, con un’ampia clientela diffusa in Italia e all’estero.

La riorganizzazione del gruppo è consistita nel trasferimento della quota di maggioranza di Pelfa Group e di LMB dal fondatore Redento Fabbro e dalla figlia Indira Fabbro, ad Andrea Forgiarini, Daniele Fabbro e Alessandro Bertino, i quali da anni affiancavano il fondatore nella gestione delle aziende, anche quali soci.

Redento Fabbro e Indira Fabbro proseguiranno il proprio percorso imprenditoriale in qualità di detentori della quota di maggioranza di HPG, nata nel 2017 e attiva nel settore della progettazione e fornitura di piccole centrali per la produzione di energia da fonte idroelettrica.