Rigolato e il Corpo dei Vigili del Fuoco in lutto per Oscar Lindo D’Andrea

Ha destato grande commozione in tutta la Carnia e non solo l’improvvisa scomparsa di Oscar Lindo D’Andrea, il Vigile del Fuoco di 51 anni, residente a Rigolato, deceduto domenica per quello che si presume possa essere stato un arresto cardiaco.

Uno dei mezzi di servizio
Uno dei mezzi di servizio

Il pompiere si era unito ieri ai colleghi del Distaccamento di Gemona del Friuli ed è con loro che ha raggiunto Moggio Udinese quando, nel primissimo pomeriggio, al 115 era giunta una richiesta di aiuto. Un escursionista era scivolato in un dirupo e, ferito ma ancora cosciente, non riusciva a muoversi: ha gridato chiedendo aiuto e le sue urla sono state udite da altri escursionisti che hanno dato l’allarme. La zona è quella di località Granzaria, in Val Aupa, un ambiente selvaggio e incontaminato meta di molti amanti della montagna. Le operazioni di soccorso sono andate a buon fine quando D’Andrea, insieme ai colleghi di Gemona, Pontebba e Udine, stava percorrendo il sentiero per il rientro. È allora che si è improvvisamente accasciato per un forte dolore al petto. Nonostante gli immediati soccorsi praticati sia dai compagni che dal personale del 118 presente sul posto non ha ripreso conoscenza.

_
D’Andrea era nato a Nivelles, in Belgio, il 4 febbraio del 1965. Insieme al fratello Eddy gestiva l’agenzia pubblicitaria Pubblicarnia a Tolmezzo. Era iscritto nel ruolo dei Vigili del Fuoco Volontari da oltre 20 anni e periodicamente veniva richiamato per prestate il proprio servizio nella sede di Udine e nei vari Distaccamenti, oltre a prestare servizio come volontario presso il Distaccamento di Rigolato. Non appena appresa la notizia, il comandante Vincenzo Lotito si è recato sul posto assieme al funzionario di guardia, Eugenio Bagnarol, e a Vincenzo Ventre, medico del Comando.

D’Andrea dopo aver ricoperto la carica anche di assessore nel Comune di Rigolato, attualmente faceva parte del gruppo di minoranza “Rigolato un bene comune”.