Pericolo valanghe marcato da sabato sulle montagne friulane

Attenzione al pericolo valanghe sulle montagne del Friuli. Ecco la situazione come riporta il Bollettino Valanghe della Regione FVG.

SABATO 4 MAGGIO

Previste ulteriori nevicate dalla quota di 1600 – 1800 m circa con possibili ulteriori 10-30 cm di nuova neve su tutto il territorio montano. I venti da SW potranno favorire la formazione di nuovi accumuli a tutte le esposizioni. Oltre i 1800 m dai percorsi valanghivi abituali a tutte le esposizioni sono possibili distacchi spontanei in genere di piccole e medie dimensioni. Sempre oltre tale quota e a tutte le esposizioni il distacco provocato sarà possibile anche con debole sovraccarico.
Grado di pericolo previsto 2 (moderato ) in aumento a 3 (marcato) sulle Alpi, sulle Prealpi 2 (moderato).

DOMENICA 5 MAGGIO

Previsto un calo delle temperature e ulteriori nevicate che potranno scendere fino alla quota di 600 – 800 m circa con ulteriori 10-30 cm di nuova neve, su tutto il territorio montano. Venti forti durante la nevicata formeranno nuovi accumuli su tutti i versanti. Sopra il limite del bosco, sui pendii ripidi sono possibili valanghe spontanee di medie ed in alcuni casi anche di grandi dimensioni lungo i percorsi abituali, sia a debole coesione che a lastroni. Il distacco provocato di valanghe, generalmente di medie dimensioni, sarà possibile anche con debole sovraccarico su tutti versanti ripidi sopra i 1800 m di quota.
Grado di pericolo previsto 3 (marcato) su tutto il territorio.

LUNEDÌ 6 MAGGIO

Zero termico a 1500 m circa. Previsti venti forti che potranno formare nuovi accumuli su tutti i versanti. Sopra il limite del bosco, sui pendii ripidi saranno possibili valanghe spontanee di medie ed in alcuni casi anche di grandi dimensioni lungo i percorsi abituali, sia a debole coesione che a lastroni. Il distacco provocato di valanghe, generalmente di medie dimensioni, sarà possibile anche con debole sovraccarico su tutti versanti ripidi sopra i 1800 m di quota.
Grado pericolo previsto 3 (marcato) su tutto il territorio.

Commenta con Facebook