Lauco e strutture sportive, la precisazione di Olivio Dionisio

Da ieri il Comune di Lauco è commissariato (verrà guidato fino alle elezioni di aprile dalla funzionaria della Regione Silvia Zossi), per effetto delle dimissioni di sei consiglieri, che hanno fatto decadere il sindaco Olivo Dionisio e la sua Giunta.

Lo stesso Dionisio interviene in relazione all’articolo pubblicato lunedì 9, riguardante il finanziamento di 350.000 euro per le strutture sportive del comune, per chiarire in particolare un punto: “Il Comune di Lauco ha ricevuto il contributo dalla Regione lo scorso 11 agosto – afferma -. Tutta la documentazione necessaria per la domanda di contributo da presentare agli uffici della Regione, in particolare alla Direzione centrale Cultura e Sport e per conoscenza a quella delle Autonomie Locali, è stata predisposta unicamente dal sottoscritto in qualità di sindaco, in collaborazione con gli uffici tecnico-amministrativi del Comune, senza la partecipazione di altri soggetti, come erroneamente affermato da Stefano Mazzolini”. Il vicepresidente del Consiglio regionale si era complimentato in particolare con il vicesindaco Kascy Cimenti.

“Desidero altresì evidenziare che il contributo è stato erogato per volontà esclusiva della Giunta regionale e non sono stati coinvolti altri soggetti”, conclude Dionisio.

(nella foto Olivo Dionisio)