Incontro a Tolmezzo sulla riqualificazione complessiva della Ss 52bis Carnica

Si è tenuto oggi, nella sede della Regione di Tolmezzo, l’incontro con l’Assessore alle Infrastrutture e Territorio Mariagrazia Santoro con i tecnici ANAS e il Comune di Tolmezzo, presente il sindaco Francesco Brollo con la sua amministrazione e il consigliere regionale Enzo Marsilio.

L’incontro ha avuto come oggetto i primi interventi, pronti ad essere cantierati, relativi alla riqualificazione complessiva della SS52-bis “Carnica”, recentemente finanziata da ANAS con 63 milioni di euro.

“Questo incontro – spiega l’assessore Mariagrazia Santoro – dimostra che il progetto complessivo di riqualificazione si attua per fasi, alcune delle quali sono immediatamente operative, quindi non una promessa futura, ma la concretezza dei fatti.”

Nel particolare sono stati presentati due interventi:

“Punto critico 6” tra KM 3+000 e KM 3+400: si prevede l’ampliamento verso monte della sede stradale alla sezione C2 con corsie da 3,5m e banchine da 1,25m, con realizzazione di nuova pavimentazione e segnaletica e sostituzione delle barriere esistenti per un totale di 675.000€ con progetto esecutivo approvato.

Si è poi discusso del “punto critico 7” tra il KM 3+400 e il KM 4+800 dell’incrocio in località Tramba” per valutare la soluzione proposta da ANAS, nel progetto definitivo elaborato, di messa in sicurezza con il minor impatto possibile sullo sbalzo nel corso d’acqua dell’alveo del But, che prevede la rimozione delle barriere esistenti, la realizzazione di un rilevato per consentire l’ampliamento della sede stradale con rifacimento delle asfaltature e segnaletica. Per questo intervento sono previsti 1.462.500€.

L’occasione è servita anche per condividere e concertare, prima della conclusione progettuale, altri punti di intervento nel territorio del comune di Tolmezzo che saranno oggetto di un’individuazione formale da parte dell’amministrazione comunale.

“Lavorare con il territorio, condividendo priorità ed obiettivi – ha concluso Santoro – è il metodo di lavoro impostato e così, punto critico per punto critico e progetto dopo progetto, intendiamo operare con i vari territorio via via interessati da questa importante opera pubblica a favore della montagna che ha trovato un forte investimento di risorse. Non solo la riqualificazione e la messa in sicurezza di “una” strada, seppur importantissima, ma anche l’occasione per riflettere sui progetti di riqualificazione che possono conseguire”.