In vetrina a Tolmezzo le opere create dai ragazzi nei laboratori estivi

Con “Opere in vetrina!”, dal 17 ottobre al 6 novembre prossimi, in vari luoghi di Tolmezzo, sarà possibile ammirare gli elaborati prodotti nell’ambito di “Mettiamoci a fuoco”, il progetto promosso dal Servizio sociale dei Comuni dell’ambito territoriale Carnia – Azienda Sanitaria Universitaria Friuli Centrale, in collaborazione con la Cooperativa Itaca e la Comunità di Montagna della Carnia e realizzato grazie all’impegno dell’Ente Mostra Permanente della Carnia. Il progetto nel corso dell’estate ha coinvolto una novantina di ragazzi e ragazze dagli 11 ai 19 anni della Carnia, in un viaggio alla scoperta delle molteplici sfaccettature dell’arte come strumento di espressione creativa. 

Il progetto, strutturato in dieci laboratori gratuiti condotti da artigiani e artisti del territorio, ha permesso ai ragazzi di sperimentarsi abbinando teoria e soprattutto tanta pratica offrendo loro l’opportunità di esprimere sé stessi e, al contempo, confrontarsi con i coetanei vedendo nascere direttamente dalle loro mani dei manufatti.

Il rumore di scalpello e mazzuolo ha cadenzato il laboratorio di intaglio nel legno in cui Ermanno Plozzer ha fornito ai ragazzi indicazioni per dare vita a maschere tipiche dell’arco alpino esposte presso l’ISIS Fermo Solari. Il piacere di modellare e la pazienza non sono mancati ai giovani che, accompagnati da Emanuela Riccioni, si sono cimentati con la ceramica dando vita a lanterne, bassorilievi e scacciapensieri esposti presso “Il Fornaio”.

Le sale della biblioteca civica “Adriana Pittoni” ospitano gli elaborati dei laboratori di fumetto e arte e pittura, entrambi condotti da Barbara Picotti. Dalle tavole di “The Krown e il mistero di Palazzo Vecchio” e “Insane Kakashi” emerge il lavoro di gruppo che ha portato i ragazzi ad ideare in ogni dettaglio i due fumetti; la creatività e l’invito ad andare fuori dagli schemi precostituiti ha caratterizzato il percorso sperimentale di arte e pittura.   

Emilia De Monte ha incoraggiato i ragazzi a (ri)scoprire con occhi diversi il mondo che li circonda attraverso l’obiettivo della macchina fotografica; gli scatti esposti presso il Cinema David e l’ISIS Fermo Solari ripercorrono i percorsi tematici realizzati in studio e nel corso delle uscite sul territorio.

Creatività, manualità e fantasia hanno portato alla realizzazione di accessori unici nei laboratori di tessitura e borse. Sciarpe colorate, nate dai telai ai quali i ragazzi si sono cimentati seguendo le indicazioni di Daniela Cargnelutti, illuminano le vetrine di Mazzonetto, Antema, “Al Telar”, Merceria Fior Margherita e dell’Ente Mostra Permanente della Carnia. Forme, materiali e colori diversi caratterizzano le borse ideate dai partecipanti al laboratorio condotto da Antonella Stafutti ed esposte presso le vetrine di “Sisters”, “Boutique della pelle”, “Seduzioni” e “Room 17”.

… robe da pazzi” è lo spettacolo teatrale ideato dal gruppo del laboratorio di arteatro che andrà in scena il 22 ottobre alle ore 20.30 presso il teatro del Collegio Don Bosco di Tolmezzo. Tutti i dettagli dello spettacolo, dal titolo al copione, portano la firma dei ragazzi pronti a salire sul palco avvalendosi della regia di Daniela Cargnelutti. Lo spettacolo aperto al pubblico costituirà l’occasione per ringraziare e dare l’arrivederci ai partecipanti di tutti laboratori a cui verranno consegnati gli attestati di partecipazione. 

Dall’8 al 28 novembre sarà possibile ammirare gli elaborati di tutti i laboratori presso l’Ente Mostra Permanente della Carnia. 

“Mettiamoci a Fuoco”, giunto alla quarta edizione, costituisce un importante tassello delle molteplici attività promosse sul territorio con e per i ragazzi dal Servizio Sociale dei Comuni. I riscontri da parte dei ragazzi e delle famiglie, collaborative e coinvolte, mettono in luce la bontà di un progetto che, utilizzando il linguaggio artistico, ha offerto ai ragazzi un luogo di ascolto e di confronto, l’opportunità di scoprire talenti e passioni e, al contempo, di acquisire e potenziare delle competenze manuali spendibili anche nel mondo del lavoro.