Il Carnia Industrial Park apre le porte a Smart Industry

A meno di un anno dall’operazione di riordino dei parchi scientifici e tecnologici del FVG, con il conferimento da parte della Regione della componente immobiliare al Carnia Industrial Park, il Parco Tecnologico di Amaro apre le porte a un nuovo insediato di prestigio.

A partire dalla seconda metà del mese di settembre verranno allestiti gli uffici di Amaro per ospitare la società SMART INDUSTRY srl con sede legale a Ozzano dell’Emilia (BO), azienda del gruppo SMARTENGINEERING di Rovereto, leader nella fornitura di servizi avanzati per la progettazione meccanica, meccatronica e calcolo prestazionale avanzato. L’azienda, nata nel 2011, è oggi una realtà solida e dinamica, con un team di 150 dipendenti altamente qualificati, in grado di sviluppare progetti complessi in ambito Automation, Packaging, Machine Tools, Automotive&OHV, Assembly Machine, Aeronautica, Aerospace e Comparto Biomedicale. Forte della propria leadership nel mercato di riferimento e di un parco clienti ampio e diversificato per settori e per territori, si è posta ulteriori obiettivi di crescita (sono previsti per fine anno: un fatturato di 9,5 milioni di euro e un numero di addetti pari a 175) decidendo di avviare una nuova sede operativa in Friuli Venezia Giulia, nel Parco Tecnologico di Amaro, con il brand SMART INDUSTRY. La nuova sede si affiancherà a quelle già operative a Rovereto, Milano, Venezia, Magreta in provincia di Modena, Ozzano dell’Emilia in provincia di Bologna e Ancona.

Fra le attività di SMART INDUSTRY, fondamentale è la scelta di investire nello scouting dei talenti, attraverso iniziative con le Università partner su tutto il territorio Italiano. Dalla condivisione con le aziende clienti, della diffusa difficoltà a selezionare risorse competenti e formate, nasce il servizio di SMART INDUSTRY denominato I SKILL, con il quale viene integrata la ricerca di personale, la consulenza e la formazione dedicata alle esigenze di ciascuna azienda cliente.

«Per SMART INDUSTRY la presenza all’interno del Parco è strategica – dichiara il CEO Alessandro Paneghel –. Essere vicini alle aziende e ai loro bisogni è da sempre nel nostro DNA ed è la chiave per una crescita condivisa e sostenibile. Il nostro gruppo vuole contribuire all’accrescimento delle competenze in campo Ingegneristico, ICT e Manufacturing, incrementando la propria presenza in questa regione caratterizzata da livelli di ricerca e innovazione fra i più importanti a livello nazionale».

«L’insediamento di SMART INDUSTRY srl – questo il commento del pesidente del Carnia industrial Pasrk, Roberto Siagri –, dopo l’inaugurazione a giugno scorso del nodo IoT di IP4FVG (piattaforma regionale per la digitalizzazione delle imprese) con l’allestimento di un laboratorio dotato di innovative tecnologie a disposizione delle imprese e l’avvio di due corsi ITS (TES 4.0 e Energy Specialist) promossi dalle Fondazioni Alto Adriatico di Pordenone e MITS Malignani di Udine, si inquadra nel Piano Strategico che prevede la focalizzazione del Parco Tecnologico su tre aree di attività principali: 1. Green Tech Energy; 2. Digital Transformation; 3. Innovative Manufacturing».

Continua quindi il percorso di rinnovamento e rilancio del Parco Tecnologico di Amaro che, a partire dalla primavera 2023, sarà interessato dal primo lotto di interventi di riqualificazione (efficientamento di tutti gli impianti, miglioramento nella distribuzione e nell’allestimento di uffici e laboratori, prime modifiche alla viabilità dell’area esterna).