Forni di Sopra capofila per la riscoperta della maestria di Johannes Maria Anciuti

La prossima stagione turistica di Forni di Sopra sarà all’insegna di Johannes Maria Anciuti (1674-1744), il costruttore di strumenti a fiato definito dal prete rosso Antonio Vicvali “Lo Stradivari dell’oboe”. La regione Friuli Venezia Giulia ha finanziato con quasi 40 mila euro l’Aciuti Music Festival, il progetto elaborato dal Comune dolomitico che, come spiega il primo cittadino Lino Anziutti «intende riscoprire e divulgare la maestria di Anciuti, originario del paese che fece fortuna costruendo oboi a Milano».

Il programma predisposto dal Comune assieme all’Associazione Dorelab, acronimo di Double Reed Laboratory, ovvero Laboratorio permanente per lo studio degli strumenti ad ancia doppia, non si fermerà a manifestazioni da tenersi nel Comune montano. «Anciuti non è solamente un valore per Forni di Sopra- prosegue il sindaco- ma un personaggio che potrà dar lustro a tutta la nostra regione ». A tal proposito il festival vedrà una serie di eventi sparsi per tutta la nostra Regione, iniziando dal 6 all’8 aprile a Palmanova con il concerto di gala LowB Bassoon Cluster, formato da quattro fagottisti di fama internazionale, tra cui Giorgio Mandolesi, primo Fagotto all’Orchestre de Paris.

A Giugno a Udine in collaborazione con il Conservatorio di Udine si ettrà la conferenza del maestro Paolo Pollastri, primo oboe solista dell’Accademia nazionale di Santa Cecilia sul tema. “Giovanni Maria Anciuti, lo Stradivari dell’oboe. Altri eventi sono in programma a luglio a Mossa, in provincia di Gorizia, mentre il clou si terrà a Forni di Sopra in agosto con la partecipazione di grandi musicisti del panorama internazionale: Alfredo Bernardini e Zefiro Ensemble, Simone Toni e Silete Venti, Ensemble J.M. Anciuti.

Inoltre si terranno conferenze, di cui una a cura del prof. Francesco Carreras dell’Università di Pisa, ed esposizioni di strumenti musicali riferiti a Anciuti. A termine ci sarà Dorelab Summer Camp, con l’associazione Dorelab che organizzerà un campus estivo della durata di cinque giorni per approfondire il repertorio per ensemble di ance doppie, dal trio alla Banda di oboi.

Commenta con Facebook