Federmoda Fvg: sconto del 15% ai percettori di reddito di cittadinanza

I presidenti provinciale di Federmoda del Friuli Venezia Giulia – Antonella Popolizio per Pordenone, Mario Ulian per Udine, Roberto Rosini per Trieste e Antonella Pacorig per Gorizia – hanno siglato nella sede di Confcommercio Udine un protocollo d’intesa per l’applicazione di uno sconto del 15% sulla merce venduta ai percettori del Reddito di cittadinanza. «Un’iniziativa – spiega la presidente di Federmoda Fvg Popolizio – che punta ad agevolare una fascia di popolazione che si trova in una particolare situazione di disagio occupazionale. Lo riteniamo un atto di solidarietà dovuto, in considerazione dell’importante funzione politico-sociale rivestita dalla categoria dei commercianti all’interno della società».

La convenzione attuativa del protocollo, che verrà sottoscritta con le singole attività commerciali aderenti, oltre a fissare la scontistica al 15%, prevede che i beneficiari dell’assegno statale presentino come mezzo di pagamento la “Carta Rdc”: una carta Postepay caricata mensilmente con l’importo del reddito di cittadinanza spettante al nucleo familiare, con la quale è dunque possibile acquistare beni e servizi.

«Sottolineiamo che, con la conclusione dell’accordo e della futura convenzione attuativa – spiega tra l’altro Federmoda Fvg in una lettera agli associati –, è precisa volontà del gruppo partecipare attivamente alla politica di sostegno sociale promossa dal Governo e rivolta a tutti coloro che, purtroppo, si trovano in una situazione di svantaggio occupazionale. Naturalmente, noi tutti auspichiamo che tale misura abbia un impatto positivo sul territorio, sui consumi e anche sui commercianti stessi, in un’ottica di mutualistico sostegno e in funzione di un mercato sempre più equo, integrato e sostenibile».

L’impegno ora è a condividere il progetto con gli associati provincia per provincia. Per diffondere nel modo più efficace possibile l’iniziativa è stato pure realizzato un apposito logo («Qui il tuo reddito di cittadinanza vale di più»), che ogni commerciante che aderirà alla convenzione dovrà esporre sulla vetrina del negozio quale informativa ai clienti interessati.

 

Commenta con Facebook