Davide Dal Pian e Lara Gasparotto i primi padroni della “For Enduro” di Forni di Sopra

Parte con il piede giusto la prima edizione della FOR ENDURO, tappa di debutto del “ridotto” Trofeo Triveneto, che domenica 13 settembre ha portato circa 80 riders a confrontarsi sulle stupende quattro speciali (stage) della prova carnica di enduro, tracciata dal gruppo “FORNI FOR BIKE” supportato nella gestione dall’UC CAPRIVESI Mtb Team Gorizia, da Promoturismo FVG, dalla Società Sportiva Fornese e dal Comune di Forni di Sopra.
Quello che già si percepiva durante i passaggi in area arrivo/time control e alla base degli impianti di risalita di Promoturismo, che garantivano l’accesso ad atleti, tecnici e pubblico alle prove speciali del Varmost, è diventato chiaro durante le premiazioni; gli applausi a scena aperta dei partecipanti e sostenitori nei confronti degli organizzatori decretavano l’indiscusso successo di questa prima della FOR ENDURO, definita da più parti una delle più belle gare della stagione 2020 a dispetto delle restrizioni che la pandemia COVID-19 ha comportato.
La gara, come detto, si disputava su di un percorso di circa 30 km, con 800 metri di dislivello pedalato e 4 stage cronometrate, CJARIEI e SAIUC, tracciati sulle pendici del Varmost, STALINOUF e PALAS disegnati sui pendi opposti, con partenza, arrivo e time control posizionati nella zona di Santaviela che era il cuore logistico dell’evento, ed offriva un paesaggio mozzafiato con le Dolomiti Friulane a fare da cornice.
Passando all’aspetto agonistico della FOR ENDURO si può certamente dire che è stata un assolo di Davide DAL PIANil forte atleta veneto in forza al Team BIKAPPA Bike ha calato un poker d’assi segnando il miglior tempo in tutte quattro le speciali, con crono che hanno messo subito alle corde i più agguerriti contendenti, Stefano BRAIDOT (Caprivesi), Damiano ROSSA (Bike4Fun) e Lorenzo TERLICHER (Granzon) hanno dato il massimo ma il distacco finale è stato importante, con un finale di 12:35.73 DEL PIAN ha relegato ad oltre 50” il più giovane della stirpe BRAIDOT, che ha sua volta ha prevalso di 4” sul alfiere della Bike 4 fun, mentre TERLICHER ha pagato a caro prezzo l’errore nell’ultima speciale del SAIUC, un lungo che lo ha fatto scivolare dalla seconda alla 4^ posizione.
Gara femminile sempre saldamente nelle mani di Lara GASPAROTTO (Tecno Bike Team) che ha chiuso con un 19:39.62 finale lasciando ad oltre 1’16” Vanessa COS. Nella Junior è stato Daniele CAROLLO a prevalere su di un importante lotto di partenti, tre stage win per l’alfiere della Bike4fun grazie alle quali chiude anche nella top 5 della classifica assoluta con un crono finale di 13:38.64, alle sue spalle Giuseppe BATTISTON (Bettini Bike) e Matteo BERTAGNIN (Switch team).
Combattute le gare nelle categorie Master, con la vittoria finale aperta fino alla quarta ed ultima speciale del Saiuc, alla fine a prevalere nella Elite Master è stato Marco DECET (Switch Team) con Riccardo NADALIN (Tecno Bike Team) secondo a 4” e Giulio CORONA (Dirty Bike) terzo; nella MASTER 1-2 è Simone CARTA (Bike4fun) a salire sul gradino più alto del podio, con Daniel CIMENTI (Carnia bike) secondo e Lorenzo CARLET (Caprivesi) terzo.
La Master 3-4 vede la vittoria di Daniele GARBELLOTTO (X Team Piero Bicya), con Cristian LORENZI (Cicli BACCHETTI) ad 1”33 e Stefano ZANUTTIGH (Valchiarò) terzo a 5”18, mentre salendo nella M5+ la lotta è stata ristretta a Carlo ZORTEA (Benozzi), Claudio REMOTO (Fun Bike) e Giacomo GASPARELLA (Dhsign Factory) che chiudono nell’ordine staccati di una manciata di secondi uno dall’altro.
Nelle categorie giovanili, che gareggiavano su di un percorso ridotto a soli due stage, Massimo DE SABBATA (Granzon) s’impone nella Allievi segnando il miglio crono degli Under 17, mentre Nicola BICELLI (Team Stefana BIke) vince la Esordienti davanti a Andrea KOCINA (Caprivesi).
Alla premiazione finale presente l’intero staff dell’organizzazione “Forni for Bike”, con Manuel ALBANESE che, assieme all’assessore allo Sport del Comune di Forni Lorenzo ANTONIUTTI, ha tracciato un bilancio di questa prima edizione, bilancio assolutamente positivo, che sprona il gruppo e l’ente a pianificare un’ulteriore step per l’evento sportivo che anche per il Gravity Park del centro carnico.
Fondamentale la presenza del gruppo di volontari di percorso, del Soccorso Alpino, del SAGF del Corpo Forestale Regionale per la collaborazione nell’organizzazione e gestione della sicurezza dell’evento, e della PATRES per il servizio di assistenza sanitaria e primo soccorso.

CLASSIFICHE

(nella foto Davide Dal Pian e Lara Gasparotto)

Commenta con Facebook