Da Osoppo a Cremona per onorare la famiglia Screm

Su invito del primo cittadino di Cremona, Gianluca Galimberti, una delegazione di Osoppo, guidata dal sindaco Paolo De Simon, parteciperà giovedì 22 marzo all’inaugurazione della mostra “Sguardi dal 900 – Volti e storie della citta”, allestita nei locali del museo civico del comune lombardo (nella foto) nell’ambito delle iniziative dell’anno culturale dedicato al Novecento.

Tra i dipinti che verranno esposti al pubblico ce ne sono infatti tre appartenenti al lascito della famiglia friulana Screm, originaria proprio di Osoppo. Gli Screm (Giovanni Battista, la moglie Leonilde Vissa Pisani e i quattro figli), profughi dopo la battaglia di Caporetto, vennero accolti a Cremona e vi dimorarono in seguito, ricompensando la città d’adozione contribuendo ad arricchire il patrimonio del Museo Civico, senza mai dimenticare però il legame con la terra d’origine. Alla famiglia Screm è dedicata un’apposita bacheca con il materiale documentale che ne ricostruisce la storia.

Così il sindaco De Simon: “Abbiamo accolto con vero piacere questo invito: ci sembra il minimo che si possa fare per onorare la memoria della Famiglia Screm, che ha sempre avuto Osoppo nel cuore. La nostra comunità ha infatti potuto beneficiare della lungimiranza della Famiglia Screm che ha donato all’Amministrazione, tra l’altro, l’edificio storico che ora ospita la Biblioteca Comunale. La donazione Screm ha consentito di creare una biblioteca tra le più fornite in Regione Friuli Venezia Giulia e che costituisce un vanto per la nostra piccola comunità”.