Carniarmonie, giovedì appuntamento a Sauris

Mercoledì 17 agosto alle ore 20.30 al Museo Carnico di Tolmezzo andrà in scena tra musica e teatro: “Gorizia? Una dama…”, con gli attori della compagnia Arti Fragili ed il gruppo strumentale Lumen Harmonicum. Su musiche di Strauss, Lehár e Visnoviz curate da Nicola Samale, con testi liberamente tratti dal testo originale di Ivo Volkmar, lo spettacolo prende ispirazione dal romanzo “Marietta”, personificazione della città di Gorizia, pubblicato a Graz nel 1918. Una trama avvincente sullo sfondo della guerra, tra amori e delusioni in una vicenda che vede coinvolti anche il giovane irredentista Giovanni ed Heinrich, ufficiale austroungarico. Il concerto in forma di teatro nasce come evento di promozione in vista di “Go! 2025 Nova Gorica e Gorizia capitale europea della cultura”. Si potrà rivivere un vero dramma d’amore e guerra con la voce del teatro su musiche dei maggiori autori della Mitteleuropa del tempo (ingresso libero).

L’appuntamento di Carniarmonie è anche occasione per visitare il Museo Carnico delle Arti Popolari “Michele Gortani” nel seicentesco Palazzo Campeis di Tolmezzo che raccoglie una preziosa collezione di materiali etnografici, artistici e artigianali, tra le più significative d’Europa. Ad anticipare il concerto infatti, con inizio alle ore 18.30, avrà luogo una speciale visita guidata: una narrazione di grande fascino alla scoperta di arredi e oggetti di uso quotidiano, ferri battuti e ceramiche, costumi popolari e tessuti, ma anche maschere, strumenti musicali e giocattoli. Il biglietto d’ingresso, comprensivo della visita guidata, costa 6,00 €. Per informazioni e prenotazioni: tel. 0433 43233 – info@museocarnico.it.

Giovedì 18 agosto alle ore 20.30 nella Chiesa di Sant’Osvaldo a Sauris di Sotto, la violinista Myriam Dal Donche il quotidiano francese “Le Figaro” ha definito «la rivelazione di un immenso talento, abbagliante di precisione, agilità e purezza di stile ammirabile», sarà la solista del concerto dal titolo “Ballata per violino solo”. La violinista bellunese dalla prodigiosa carriera, vittorie a concorsi internazionali e riconoscimenti blasonati come il Premio Foyer des Artistes in Campidoglio per la sua attività artistica, proporrà un concerto dove il Settecento di Tartini, Bibier e Bach dialogherà con l’Otto-Novecento di Ysaÿe. In programma, nell’ordine: la “Sonata n. 13 in si minore” del compositore di Pirano, la “Passacaglia” del compositore austriaco di origini boeme, la “Partita n. 2 in re minore” del genio di Eisenach e la “Sonata n. 3 – Ballade” del tardoromantico belga.

Myriam Dal Don, vincitrice del Concorso Biennale Nazionale di Violino di Vittorio Veneto nel 1988, si è imposta in importanti competizioni nazionali ed internazionali (Philips, Romanini, Lipizer, Curci, Abbado) ottenendo dei premi speciali per l’esecuzione di opere violinistiche di Bach. Ha debuttato giovanissima con l’Orchestra della Rai di Torino diretta da Salvatore Accardo. Docente in istituzioni di alta formazione artistica, ha suonato come solista nelle sale più prestigiose del mondo come la Carnegie Hall, l’Alice Tully Hall, il Teatro Colon, la Scala, la Salle Gaveau, la Bunka Kaikan Concert Hall. Il concerto è ad ingresso gratuito. www.carniarmonie.it.