Bracconaggio, assoluzione per una giovane di Venzone

E’ stata assolta una 27enne maestra di Venzone, iniziali T.R., accusata di diversi reati nell’ambito del bracconaggio, tra i quali detenzione di armi e di pugnali, sparo di colpi di arma da fuoco, abbattimento di caprioli e faine.

L’avvocato Francesca Tutino

Nel lungo dibattimento processuale e dopo aver sentito molti testimoni, l’avvocato Francesca Tutino di Udine è riuscita a far emergere la verità della sua assistita e cioè che la colpa della giovane donna era solo di essere ex compagna di un cacciatore, condannato nel procedimento come del resto altri imputati.

Il Tribunale penale di Udine, in persona del Giudice dott.ssa Miele, l’ha quindi assolta, mentre il PM Calligaris aveva chiesto la condanna a 2 mesi e 20 giorni di reclusione.

Le parti civili al processo erano la Riserva di Caccia di Venzone, quella di Pontebba e il Parco Naturale delle Prealpi Giulie.