Alla scoperte delle sinestesie autunnali con Slow Food Alto Friuli

Quando sentiamo un profumo e vediamo un colore, quando sentiamo un suono e ci ricordiamo di un sapore, quando pensiamo alla terra e abbiamo una sensazione di benessere, incontriamo le sinestesie, fenomeni dei nostri sensi e della nostra mente. Nome azzeccato per il programma di appuntamenti proposto dalla Condotta Slow Food “Gianni Cosetti” della Carnia e del Tarvisiano, che si terranno tra fine novembre ed inizio dicembre, all’interno del progetto “In campo assieme”, finanziato dalla Direzione Cultura e Sport della Regione e da Enti e Comuni dell’area dell’Alto Friuli.
Il progetto, fortemente sperimentale, riguarda la ricerca di una nuova sintonia tra ambiente, cultura, esercizio fisico ed è destinato soprattutto ad adolescenti ed anziani. Si sostanzia in pratica sportiva, conoscenza dell’ambiente in cui si vive, laboratori in cui si riscoprono sapori e tradizioni legati alle produzioni locali di qualità.

“Sinestesie Autunnali”, dunque, con il motto “torniamo alla terra – guida straordinaria per il benessere”, una visione sulle problematiche ambientali legata ad azioni in difesa della biodiversità e ponendo particolare attenzione al benessere psicofisico; una visione oggi più che mai di attualità, ma portata avanti da Slow Food da almeno trent’anni.

Questo il programma degli incontri:

-Martedì 22 novembre, alle ore 19 al “Fogolâr – Rooms e Osteria” di Chiaulis di Verzegnis, verrà sviluppato il tema “Il ruolo della fattorie didattiche – Educare a km 0”.

-Martedì 29 novembre, alle ore 19, presso la ”Antica Osteria Stella d’Oro” a Villa di Verzegnis si parlerà di “Buone pratiche per il benessere psico-fisico”.

-Martedì 6 dicembre alle ore 19 presso il “Ristorante Borgo Poscolle” di Cavazzo Carnico, il tema sarà “Api, miele e non solo”.

Numerosissimi i relatori che esprimeranno pensiero e punti di vista di enti ed associazioni, nonché di gruppi e di singole persone che, al di fuori di appartenenze e visioni, considerano la ricerca del benessere e dell’armonia con la natura il simbolo di una nuova civiltà, l’unica possibile.

A tutte e tre le iniziative seguirà un “Laboratorio di food design” e una degustazione di prodotti locali.

Per chi fosse interessato si consiglia la prenotazione all’indirizzo mail info@slowfoodaltofriuli.it.