A23 Udine-Tarvisio, di nuovo attivo il sistema Tutor

Il sistema Tutor è di nuovo attivo sull’autostrada A/23. Autostrade per l’Italia ha riattivato il dispositivo che rileva il superamento medio della velocità sulla carreggiata Nord nel tratto fra Udine Nord e Carnia e sulla carreggiata Sud nel tratto fra Gemona del Friuli e Udine Nord. Questo dispositivo rileva la velocità media del tratto percorso, e quindi permette di sanzionare chi mantiene una condotta di guida scorretta e pericolosa per un certo numero di chilometri.
Il sistema dispone di più punti di rilevazione lungo la carreggiata autostradale; una volta che l’automobilista passa questi punti, la targa e la velocità vengono registrate. Se, alcuni chilometri dopo, al passaggio del secondo punto di rilevazione, la velocità media del tratto è superiore a 137 Km/h (limite di categoria di 130 km/h maggiorato della tolleranza prevista per legge e pari al 5%), scatta la sanzione. Il sistema funziona con qualsiasi condizione atmosferica e di illuminazione e su tutta la carreggiata stradale; acquisisce inoltre automaticamente tipo e targa del veicolo e accerta la proprietà del veicolo. L’operatore di Polizia interviene solamente per la verifica dei dati prodotti e la verbalizzazione.

Il dispositivo, introdotto sulla rete viabile nazionale per la prima volta nel dicembre del 2005, ha determinato un deciso calo degli incidenti stradali, a dimostrazione che la velocità è il principale fattore di rischio di incidente. Ha determinato inoltre delle condotte di guida nel complesso più regolari, poiché negli anni, a fronte di un maggior numero di ore di rilevazione, si è riscontrato un trend calante del numero delle violazioni commesse. La consapevolezza della presenza di questo dispositivo di controllo ha portato un sempre maggior numero di conducenti a rispettare il limite di velocità imposto dall’ente proprietario della strada.

Commenta con Facebook