Il libro “La Compagnia Fucilati” di Diego Carpenedo presentato a Paluzza

E’ noto che la proposta di legge per la riabilitazione del personale militare italiano, condannato a morte nel corso della prima guerra mondiale per la violazione di disposizioni previste dal codice militare di allora, seppure approvata all’unanimità alla Camera dei Deputati , si è incagliata al Senato della Repubblica e non si sa quando potrà riprendere il suo iter per essere definitivamente approvato dal Parlamento.

Diego Carpenedo

Per dimostrare che non si intende rinunciare agli obiettivi proposti, quali la restituzione dell’onore militare ed il riconoscimento della dignità di vittime di guerra a quanti furono passati per le armi ”da fuoco amico” per esecuzione immediata da parte dei superiori italiani , il Circolo Culturale “Enfretors” di Paluzza, in collaborazione con il Comune di Cercivento e con il patrocinio del Comune di Paluzza, ha programmato un incontro per venerdi 21 aprile presso la sala del Cesfam di Paluzza, nel corso del quale verrà presentato il libro “La Compagnia Fucilati” in seconda edizione, scritto da Diego Carpenedo.

Il romanzo storico, che si ispira alla fucilazione avvenuta a Cercivento il 1 luglio 1916 dei quattro alpini friulani per i quali è stata chiesta la riabilitazione, racconta verità che non si trovano nei documenti ufficiali. Il libro rappresenta un’opera dove la fantasia si intreccia costantemente con la tragica realtà di allora. La storia potrebbe sembrare semplice, ma in realtà è molto complessa e si svolge contemporaneamente sul fronte delle Alpi Carniche, al Comando Supremo di Udine e al Parlamento di Roma.

L’iniziativa si inserisce nell’ambito delle celebrazioni del centenario della Guerra 1915/1918, che hanno riportato all’attenzione nazionale episodi, tra cui la “decimazione di Cercivento”, che per le popolazioni locali rappresentano ferite ancora aperte.

Il libro verrà presentato da Matteo De Cecco e da Igino Piutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *