Visite al Mulino Cocconi di Ospedaletto per degustare il pan di sorc

AIAB-APROBIO FVG, su incarico dell’ERSA (Agenzia Regionale per lo Sviluppo Rurale), ha promosso per domenica 1° ottobre la manifestazione Bio Fattorie Aperte, giornata dedicata all’agricoltura biologica, rivolta a tutti i consumatori che per un giorno desiderano toccare con mano il lavoro quotidiano delle aziende bio e vivere insieme ai produttori emozioni ed esperienze uniche. Per l’occasione l’Associazione Produttori Pan di Sorc e l’Ecomuseo delle Acque organizzano visite guidate al Mulino Cocconi ad Ospedaletto di Gemona, con degustazione del pan di sorc. Nella stessa giornata è in programma sul campo la raccolta del mais cinquantino e un’escursione in bicicletta alla scoperta delle aziende che fanno parte del Paniere dell’Ecomuseo, con ritrovo alle 9.30 presso il mulino (prenotazioni entro il 30 settembre).


27
Il Mulino Cocconi, localizzato al centro del nucleo abitato di Borgo Molino ad Ospedaletto, ha origini antichissime, anche se l’attuale struttura risale all’inizio dell’Ottocento. Già nel 1431 funzionava in questa stessa località un “molino con sega” di proprietà di Martino De Brugnis (se ne contavano altri otto nella zona, alimentati dalla Roggia Plovia proveniente dal Tagliamento). Documenti d’archivio attestano che all’inizio del XIX secolo la famiglia Cocconi divenne proprietaria dell’edificio. Il suo stile architettonico è semplice e austero, ma da alcuni particolari degli elementi lapidei si può dedurre che la costruzione appartenesse a una famiglia benestante. Il piano terra è ora sede del Museo dell’arte molitoria, in cui viene conservato un interessante campionario di oggetti e strumenti utilizzati per la macinazione, tra cui due macchine molitorie, a palmenti e a cilindri, ancora in ottime condizioni. Le sale del piano superiore ospitano i laboratori didattici e un centro di documentazione sulle acque del Gemonese.

(foto di Ulderica Da Pozzo)

Commenta con Facebook