Verzegnis, pronti 722.000 euro per la strada che da Ponte Avons porta a Chiaulis

“Rendere le strade più sicure dopo la tempesta Vaia era un impegno elettorale per il quale ci siamo da subito attivati e che adesso finalmente potrà concretizzarsi”.

Parole del sindaco di Verzegnis Andrea Paschini, che prosegue: Durante l’alluvione dell’ottobre 2018 il comune di Verzegnis è rimasto isolato dal pomeriggio di lunedì 29 fino a quasi tutta la mattinata del 30. Nessuno ha potuto muoversi a causa di numerose piante schiantate che hanno interrotto le principali viabilità di accesso al paese. Per questo l’obiettivo prioritario dell’Amministrazione comunale è stato quello di trovare i fondi per poter mettere in sicurezza almeno il tratto di collegamento con Tolmezzo dall’abitato fino al ponte Avons”.

“Grazie all’interessamento diretto del vicepresidente della Regione e assessore alla Protezione Civile Riccardo Riccardi – prosegue Paschini -, abbiamo potuto beneficiare di alcuni fondi derivanti dalle economie dei primi appalti “post Vaia”, a cui hanno potuto attingere diversi comuni della Carnia, compreso Verzegnis, per la messa in sicurezza di strade e versanti che si trovano ancora in condizioni di instabilità a causa appunto della tempesta”.

“E’ proprio da quest’ultimo concetto di riduzione del rischio residuo che siamo partiti – afferma il sindaco – con la richiesta di un incontro con Riccardi, il quale, assieme ai tecnici della Protezione Civile regionale, ha prontamente risposto con un sopralluogo lo scorso 16 novembre, durante il quale ha potuto constatare le reali problematiche e necessità del comune e confermare successivamente, la concessione di un contributo di 722.000 euro per la messa in sicurezza del primo tratto di strada regionale locale che dal ponte Avons porta alla frazione di Chiaulis di Verzegnis”.

I lavori, appaltati in meno di mese grazie alle deroghe previste dall’Ordinanza n. 558/2018 e del Capo Dipartimento della Protezione Civile nazionale e alla collaborazione degli uffici tecnici comunali, avranno inizio il prossimo gennaio e riguarderanno il taglio di tutte le piante prospicenti in una fascia laterale minima di 10 metri, la pulizia e la bonifica delle pareti rocciose con posa di reti paramassi.

Per la realizzazione dei lavori in sicurezza sono state inserite nel progetto diverse tipologie di chiusura della viabilità, totale o parziale, a seconda della tipologia di lavorazione da eseguire e della relativa pericolosità, dalla semplice istituzione di un senso unico alternato regolato da moviere o da impianto semaforico, alla più disagevole, ma inevitabile, chiusura totale della strada in determinate fasce orarie.

“Questi lavori – continua Paschini – dovrebbero porre la parola fine alle continue chiusure di strada a causa di caduta piante e rendere più sicuro il tratto di viabilità di collegamento con Tolmezzo. L’ultima chiusura (vedi foto, ndr) si è verificata proprio il giorno successivo al sopralluogo di Riccardi, fortunatamente senza danni e persone e cose”.

“Sono certo – conclude il sindaco – che alla richiesta di collaborazione e comprensione i miei concittadini risponderanno positivamente, comprendendo i disagi, ben consapevoli della necessità di realizzare questi interventi a salvaguardia dell’incolumità di tutti”.

Commenta con Facebook