Val Pesarina, il “Nadâl in Cjanâl” è ricco di appuntamenti

La Val Pesarina si accende di eventi e iniziative per festeggiare Natale, Capodanno ed Epifania. Un cartellone ricco e diversificato, pensato per grandi e bambini, che va alla riscoperta dei sapori, delle tradizioni, delle atmosfere e della magia di questo periodo dell’anno. 

Fino all’8 gennaio l’Amministrazione comunale di Prato Carnico, in collaborazione con le associazioni, le attività produttive e commerciali della valle, ha predisposto un programma di eventi per allietare i “cjanalots” e i visitatori della Val Pesarina.

Si è partiti con l’arrivo di Babbo Natale che, come da tradizione, ha portato doni a bambine e bambini di Cjanal, per proseguire oggi con una serata a teatro ironica e sincera di “È un mondo difficile” con Manuel Buttus. Arriva poi la “Notte delle candele”, tradizionale passeggiata di beneficienza che illuminerà le vie e le piazze del borgo di Sostasio (partenza alle ore 21.00 dal parcheggio campetto sportivo, c/o ex Latteria). Si chiude l’anno all’insegna dei racconti e della memoria, con la presentazione del libro di Daniele Lieta dedicato alle “raganisse” di Babbo Natale di Cjanâl a partire dal 1955 e fino ai nostri giorni, con Carlo Tolazzi al leggìo e alle musiche. 

Il 2023 sarà inaugurato il 3 gennaio con un viaggio sonoro in cui la voce di Elsa Martin diviene una e molte perché̀ esprime le tante sinuosità̀ dell’animo umano, trasfigurate in versi sonori e grafici e amplificate da trame sonore elettroacustiche (Vox Humana) e si chiude sabato 7 gennaio con l’evento multimediale “L’Arloi dal cour” inserito nell’ambito della manifestazione “Viaggiatori nel tempo. Percorsi d’arte in Val Pesarina” che ha il sostegno della Regione FVG. Un viaggio in Val Pesarina tra parole di Carlo Tolazzi, la musica di Alvise Nodale, Luca Boschetti e Veronica Urban e le immagini di Federico Gallo. 

Nel periodo delle feste sono visitabili il “Museo dell’orologeria pesarina”, il “Museo Bruseschi” e la mostra “Le età della vita” mostra fotografica, in collaborazione con il gruppo “Gli Ultimi” con una selezione delle migliori foto di Umberto Candoni (giornate e orario apertura del Museo dell’orologeria).

Tutti gli eventi sono ad ingresso libero.

PROGRAMMA

27 dicembre ore 20.30 (auditorium comunale) – È un mondo difficile (teatro)
Alla vigilia dei cinquant’anni, un uomo fa i conti con la sua misantropia. Osservando la società che lo circonda, stigmatizza le situazioni che il suo lavoro, la sua vita privata e sociale, lo porta ad osservare. “É un mondo difficile!” un’opera prima di Alessandro Dalla Mora, autore emergente che rivela un grande talento come conoscitore dell’animo umano, in storie piene di humor e sensibilità. Uno spettacolo di cabaret, una stand up comedy interpretato da Manuel Buttus, dall’ironia caustica e irriverente, adatto ad una serata divertente e di evasione per sorridere dei nostri difetti e delle nostre frenesie. Di e con Manuel BUTTUS

28 dicembre ore 20.30 (Sostasio) – La Notte delle candele
Si rinnova la tradizionale passeggiata di beneficenza al lume di candela che quest’anno porta alla riscoperta del borgo di Sostasio, con le strade illuminate solo dalle candele dei partecipanti per rivivere l’atmosfera che c’era prima dell’avvento dell’energia elettrica. Partenza e arrivo presso il campetto sportivo di Sostasio (ex Latteria) Alla fine della passeggiata momento conviviale presso ex Latteria di Sostasio – Organizzato da Frazionisti di Sostasio

30 dicembre ore 20.30 (Auditorium comunale) – Racconti e memorie di un Babbo (Natale) di Cjanâl
Un viaggio nella memoria e per ricordare la tradizione dell’arrivo del Babbo Natale di Cjanâl con le «raganisse» scritte e racccontate da «Toni Puestin», il «Dado», «Prelota» per arrivare a «Daniele di Lec da Muliton». Presentazione del libro di Daniele Leita. Con Carlo TOLAZZI (leggìo e musica) e Daniele LEITA (racconti).

3 gennaio 2023 – ore 20.30 (Auditorium comunale) – Vox Humana (Performance per voce, parola poetica e live electronics)
VOX HUMANA è voce che diviene una e molte perchè esprime le tante sinuosità dell’animo umano, trasfigurate in versi sonori e grafici e amplificate da trame sonore elettroacustiche. Uno spazio esposto, spesso rischioso, ma sempre privilegiato, una occasione per osservarsi, ascoltarsi, lasciarsi attraversare e, infine, esprimere e condividere il proprio sentire assieme a chi, in quel momento, diviene testimone partecipe dell’atto creativo. Di e con Elsa MARTIN

7 gennaio ore 20.30 (Auditorium comunale) – L’arloi dal cour (spettacolo multimediale)
Uno strano fenomeno di catalessi che richiama il mito dei benandanti si innesta su una misteriosa vicenda legata all’apparizione di un lupo in una valle della Carnia. Come un tempo che si ferma, l’amore di una madre trova compimento nella follia. Lettura scenica in cjargnèl/cjanalòt con accompagnamento di immagini e di musica dal vivo. Immagini e video a cura di Federico GALLO. Accompagnamento musicale di Luca BOSCHETTI, Alvise NODALE e veronica URBAN.  Al leggìo Carlo TOLAZZI.