Un’estate nella Val del Lago tra mostre, passeggiate, storia e tradizioni

Dopo la riapertura del Centro Visite ecomuseale, situato nel parco botanico di Interneppo di Bordano affacciato sulle acque del Lago dei Tre Comuni, prosegue il calendario delle aperture e delle attività proposte dall’Ecomuseo Val del Lago.  

Il Centro Visite aprirà le porte ai visitatori tutti i weekend fino al 18 settembre, dalle 10 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 18. Ad accoglierli ci saranno le esperte guide della Casa delle Farfalle, grazie alle quali si potranno scoprire il territorio, la biodiversità che lo caratterizza e gli antichi saperi della popolazione locale.  

Due, infatti, le mostre permanenti: la prima dedicata alla pesca sul lago, attività di cui si hanno notizie già nel lontanissimo 1212, anno in cui il Patriarca di Aquileia affidò il territorio del “lago di Cavacio” al nobile Ottone di Gemona, a patto che egli, tra i molti altri impegni, fornisse del pesce alle mense patriarcali. La seconda mostra, invece, è incentrata sulla geologia della zona: il più antico frammento di pietra qui conservato risale a 500 milioni di anni fa, quello più giovane conta “solo” 4 milioni di anni.  

Sarà inoltre possibile visitare l’esposizione temporanea “Un bosco pieno di risorse”, una narrazione sulle funzioni dei boschi e delle foreste, elementi fondamentali per la conservazione del pianeta e dei suoi abitanti. L’esposizione fornisce un interessante spunto di riflessione sulle tre principali funzioni svolte dalle foreste: ecologica, estetico-ricreativa e produttiva. Si parla della sostenibilità ambientale, del legno quale risorsa importantissima per la realizzazione di energia ma non solo, delle funzioni ecologiche dei boschi e altro ancora.  

Per gli amanti delle passeggiate, “La riva inesplorata” è il titolo della prossima escursione naturalistica, prevista sabato 6 agosto con partenza della  Centrale idroelettrica di Somplago. In questa uscita si verrà condotti alla scoperta della parte meno conosciuta del Lago di Cavazzo. Partendo dalla zona più settentrionale, si visiterà il rio Schiasazze e il ponte romano, per poi percorrere la riva ovest tra canneti e boschi di carpino nero.

Per info e prenotazioni: 334 2345406, info@bordanofarfalle.it.