Un polo friulanista in vista delle Elezioni Regionali 2018

Si sono incontrati recentemente, nella sede di “Aquila del Friuli” a Ragogna, i rappresentanti dei Movimenti autonomisti di Acuile dal Friûl e quelli dell’Unione Autonomista del Friuli Occidentale di Pordenone per siglare un accordo congiunto e sottoscritto dai rispettivi segretari in vista del rinnovo del quadro politico/amministrativo regionale con le elezioni previste in primavera in Friuli Venezia Giulia.
Le due realtà autonomiste hanno dunque formalizzato un accordo risolutivo per dar vita al “Polo Friulanista” che si presenterà alle elezione regionali del prossimo anno.

“Insieme per dar maggior forza alla domanda di vera autonomia che il popolo friulano reclama a voce alta e completamente staccato dai partiti italioti che hanno portato indietro anni luce una regione modello, che ha saputo scrivere pagine indelebili di progresso, basti pensare a come ha saputo gestire in piena autonomia, la ricostruzione post sisma ‘76 – afferma il segretario politico di Acuile, Michele Tomasella -. Abbiamo definiti pure i programmi e le linee strategiche che consentiranno di creare una formazione forte e sempre aperta a tutti coloro che, gruppi o persone, vorranno contribuire ad eleggere veri rappresentanti friulani e non dei visitor”.

“Siamo coscienti che il 2018 potrebbe rappresentare l’ultima opportunità per salvaguardare la specialità regionale e quindi le nostre imprese, le nostre famiglie e la nostra identità, un’opportunità per dimostrare come sia possibile anche in politica fare squadra per migliorare il destino della nostra terra – aggiunge il segretario dell’Unione Autonomista del Friuli Occidentale, Andrea Pasi -. Rappresenteremo tutti coloro che amano per davvero il Friuli e chiediamo a tutti di aiutarci con la loro collaborazione: insieme cresceremo più forti”.