Un inverno d’oro per gli sciatori della Carnia Special Team

Forte delle 3 medaglie d’oro conquistate, a metà gennaio, ai Campionati italiani Fisdir Open Europei di Tarvisio, Luisa Polonia di Villa Santina ha fatto l’ennesimo exploit anche ai Campionati nazionali “Special Olympic Italia”, disputati a Bormio.
L’atleta carnica, allenata dal direttore tecnico della Inas (International federation for sport for athletes with an intellectual disability), Riccardo De Infanti di Ravascletto, che è pure referente tecnico nazionale Fisdir (Federazione italiana sci alpino Disabili intellettivi e relazionali), è tornata dalla stazione sciistica della Lombardia con un oro nello Slalom Gigante della sua categoria e con un piazzamento al quarto posto nello Slalom Speciale.
Pur essendo reduce da un recente intervento al ginocchio, grazie ad un recupero fisico impressionante frutto di tanto sacrificio, costanza e lavoro mirato, la punta di diamante della Carnia special team di Tolmezzo, a Tarvisio era stata capace di primeggiare sia nello Slalom Speciale che nel Super Gigante, vincendo anche la Combinata nella categoria C21.

Polonia, De Infanti e Coradazzi

Negli annali dell’VIII Campionato di sci alpino e nordico per disabili intellettivi e relazionali, ospitato sulle piste di Tarvisio, con la partecipazione della forte nazionale francese, ha iscritto il proprio nome anche un altro atleta Carnia special team. Alessandro Coradazzi di Majano, infatti, è stato capace di piazzarsi terzo nello Slalom Speciale della categoria Open A60 misti, pur essendo per la prima volta in gara.
Gli altri atleti regionali che ai Campionati tarvisiani si sono distinti nello Sci alpino sono stati due portacolori del “Fai Sport” di Udine: Caterina Plet di Aiello, giunta terza nello Slalom Speciale, e Matteo Giomo, originario di Treviso, che ha conquistato la medaglia di bronzo nello Slalom Gigante (categoria C21).
Fra atleti e accompagnatori, 250 persone hanno partecipato ai Campionati di gennaio. L’organizzazione è stata curata dallo Sci Club 2 di Ronchi dei Legionari, con il quale gareggia Luigino Buttazzoni di Ovaro.
«I grandi risultati che hanno ottenuto i nostri bravissimi ragazzi – sottolinea Riccardo De Infanti – premiano un lungo e costante lavoro, sostenuto da familiari e Società, che sta portando i suoi frutti e ci permette di continuare a sognare anche per i prossimi appuntamenti della stagione».
In occasione delle gare di Tarvisio e dei Campionati italiani Bormio, De Infanti ha selezionato la squadra italiana che prenderà parte ai Campionati Special Olympic International. L’appuntamento mondiale, riservato ai Disabili fisici, è in programma a Schladming, in Austria, dal 14 al 25 marzo. A seguire, dal 26 marzo al 2 aprile, nella stazione invernale francese di Gourette, si svolgeranno le gare mondiali della federazione Inas (Disabili intellettuali),
Fra gli atleti più dotati della squadra azzurra, si segnalano Kathrina Oberhauser della Società sportiva Brixen di Bressanone e Manuel Volgger della Sport and friends di Vipiteno, capaci di vincere dei titoli assoluti a Tarvisio, e poi Gabriele Rondi della Valcamonica e Sara Ghiselli di Varese.
Gli atleti regionali della Federazione sci alpino Disabili intellettivi e relazionali, che tante soddisfazioni stanno dando alla Carnia e allo sport regionale, solitamente si allenano sulle piste dello Zoncolan, grazie alla fattiva collaborazione di Promoturismo Fvg.

Commenta con Facebook