Un cartone animato in marilenghe insegna ai bambini come lavarsi bene le mani

Prende avvio al ritmo della nota filastrocca friulana Ursule parussule il nuovo cartone animato realizzato dall’ARLeF – Agenzia Regionale per la Lingua Friulana – per insegnare ai bambini alcune fondamentali regole di igiene, sempre più importanti al giorno d’oggi.

Protagonisti sono Free e Ulli: una grossa rana e una piccola mosca, personaggi che i bambini hanno imparato ad amare attraverso la trasmissione televisiva Maman!. Nella storia “Free&Ulli e lis besteatis”, i due simpatici personaggi si lavano ben bene le mani: ai bambini basterà imitare il loro esempio per imparare a farlo nel modo giusto e per un tempo adeguato. Continuando a seguirli… apprendere altre sane abitudini sarà un gioco davvero divertente.

Free & Ulli nascono dalla fantasia dell’illustratrice Patrizia Geremia e animano le vicende della collana di libri edita da Futura Edizioni, a cui ARLeF ha affidato anche la creatività di questa storia “speciale”. Le voci prestate ai personaggi sono quelle di due noti attori friulani, Claudio Moretti ed Elvio Scruzzi, mentre la voce narrante è di Daria Miani, amata compagna di giochi e di avventure dei più piccoli, nella nota trasmissione tv dove Free&Ulli sono appunto di casa.

«Il progetto – spiega il presidente dell’ARLeF Eros Cisilino – è nato dalla collaborazione con la Protezione civile regionale, inizialmente come scheda a fumetti. Ma certi della simpatia e soprattutto dell’empatia che i due personaggi avrebbero suscitato tra i più piccoli, abbiamo subito avviato anche la realizzazione del cartone animato. È senza dubbio uno strumento ancora più efficace nell’incoraggiare i bambini ad assimilare molte abitudini corrette. Ora lo mettiamo a disposizione di tutti i comuni del territorio friulano che vorranno condividerlo sulle proprie piattaforme di comunicazione. Il nostro intento è quello di affiancarci ai genitori, ai nonni e agli insegnanti impegnati nel fondamentale percorso di educazione alla salute dei più piccoli. Usare la marilenghe rende il messaggio diretto, ma soprattutto stimola quell’apprendimento plurilingue che, come attestano gli studi scientifici, porta con sé enormi vantaggi, tra cui un maggior sviluppo cognitivo e una migliore adattabilità ai cambiamenti».

 

IN MARILENGHE

Si invie cu la innomenade naine furlane “Ursule parussule” il gnûf carton animât de ARLeF – Agjenzie Regjonâl pe Lenghe Furlane – che al insegne ai fruts regulis impuartantis di igjiene, simpri plui fondamentâls in dì di vuê.

Protagoniscj a son Free e Ulli: un grant crot e une piçule moscje, personaçs che i fruts a àn imparât a volêur ben cu la trasmission televisive “Maman!”. Te storie “Free&Ulli e lis besteatis”, chescj doi personaçs simpatics si lavin ben lis mans: ai fruts ur bastarà imitâju par fâlu te maniere juste e pal timp che al covente. Cui lôr esemplis, imparâ altris abitudins sanis al sarà un zûc pardabon divertent. 

Free & Ulli a nassin de fantasie de ilustradore Patrizia Geremia e a dan vite aes storiis de golaine di libris editade di Futura Edizioni, che la ARLeF i à afidât ancje la creativitât di cheste serie “speciâl”. Lis vôs prestadis ai personaçs a son chês di doi atôrs furlans cognossûts, Claudio Moretti e Elvio Scruzzi, intant che la vôs che e conte e je chê di Daria Miani, compagne di zûcs e di aventuris tant amade dai frutins, e condutore de famose trasmission Maman! dulà che Free&Ulli a son di cjase.

«Il progjet – al spieghe il president de ARLeF, Eros Cisilino – al è nassût de colaborazion cu la Protezion civîl regjonâl, sul imprin tant che schede a fumets. Ma, sigûrs de simpatie e soredut de empatie che i doi personaçs a varessin alimentât tra i frutins, o vin inviât dal moment ancje la realizazion dal carton animât: al è chest, dal sigûr, un strument ancjemò plui valit par incoragjâ i fruts a cjapâ sù tantis abitudins coretis. Cumò lu metìn a disposizion di ducj chei comuns dal teritori furlan che a volaran condividilu midiant dai lôr canâi di comunicazion. Il nestri obietîf al è chel di metisi dongje dai gjenitôrs, dai nonos e dai insegnants che a son impegnâts tal percors fondamentâl di educazion ae salût dai frutins. Doprâ il furlan al rint il messaç plui diret, ma soredut al sburte a chel aprendiment plurilengâl che, come che a disin i studis sientifics, al puarte cun se vantaçs grandonons, e tra chei un disvilup cognitîf plui grant e la pussibilitât di jessi plui pronts ai cambiaments».

Commenta con Facebook