Un aiuto ai piccoli Comuni per la transizione digitale

Venerdì 7 ottobre per i Comuni con meno di 5mila residenti scade il termine per chiedere affiancamento e supporto per la transizione digitale e amministrativa previsto nel progetto Fast Piccoli Comuni, promosso dal Dipartimento della Funzione Pubblica in collaborazione con Formez Pa. Lo segnala l’Associazione dei revisori dei conti (Ancrel Fvg).

“In Friuli Venezia Giulia questa possibilità è offerta a 153 Comuni sul totale di 215 – spiega la presidente Rosa Ricciardi -. Specie quelli più piccoli, quelli con meno di mille abitanti sono 52, non hanno una struttura amministrativa e tecnica adeguata perché il segretario è molte volte a scavalco anche di 4-5 Comuni, manca il ragioniere o il tecnico, il sindaco si assume la responsabilità del Titolare di posizione organizzativa, con tutto quello che ne consegue. La situazione è critica e ben nota, ma molto diffusa anche nelle altre regioni, per cui questa iniziativa che vuole aiutare i piccoli Comuni a ridurre i tempi e i costi dei procedimenti che riguardano cittadini e imprese, tramite tecnologie informatiche, è particolarmente importante”.

La prima Missione del Pnrr ha come obiettivo promuovere e sostenere la transizione digitale, sia nel settore privato che nella pubblica amministrazione, perché è indubbio che cambiare l’architettura e le modalità di interconnessione tra le banche dati pubbliche che parlano tra loro, contribuisce a un risparmio economico, per le amministrazioni, e di tempo, per i cittadini.

“Come revisori dei conti degli enti locali – conclude Ricciardi – siamo molto interessati a tutte le opportunità che il Pnrr offre alle nostre comunità e soprattutto alla riorganizzazione della struttura amministrativa con la massima trasparenza, per consentire ai cittadini di seguire sul sito del loro Comune il procedere degli interventi ammessi al finanziamento Pnrr”.