Sport, natura, turismo e ricordi: a Buja ritorna la Leggendaria

“Questa manifestazione, così ben organizzata, conferma come la bicicletta rappresenti un tipo di turismo sostenibile attraverso il quale è possibile apprezzare a pieno le bellezze, ancora poco conosciute, della natura, della cultura e dell’enogastronomia del Friuli Venezia Giulia”.

Questo il concetto espresso oggi dall’assessore regionale alle Finanze Barbara Zilli a Colloredo di Monte Albano in occasione della presentazione della 14.a edizione della corsa ciclistica ‘Leggendaria’, in programma domenica 19 settembre, che vedrà il Municipio di Buja come punto di partenza e di arrivo. Una pedalata alla scoperta delle bellezze del Friuli Venezia Giulia, che attraverserà i fiumi Tagliamento, Ledra, Cormor, Corno, Arzino, su strade bianche tra le campagne alla scoperta di una decina di castelli. Inoltre saranno allestiti diversi ristoranti con degustazione di specialità locali.

Come ha sottolineato l’esponente della Giunta regionale, l’aspetto particolarmente suggestivo della corsa è quello di poter fare un tuffo nel passato delle due ruote pedalando su bici d’epoca. Il mezzo che per le generazioni passate, quelle che hanno costruito il benessere di queste terre, ha rappresentato la più diffusa modalità di spostamento.

Declinato al giorno d’oggi l’uso della bicicletta, come ha spiegato Zilli, significa in primo luogo salute: un modo sano di praticare lo sport all’aria aperta in piena sintonia con l’ambiente circostante, in luoghi di grande suggestione che appartengono al territorio della nostra regione.

Da qui il valore aggiunto che Leggendaria apporta al livello di attrazione turistica del Friuli Venezia Giulia, offrendo l’opportunità di poter coniugare un corretto di stile di vita con la natura e la bellezza dei paesaggi.