Spendida Lisa Vittozzi, è sesta nella prima gara di biathlon delle Olimpiadi 2018

Lisa Vittozzi apre con un ottimo sesto posto la sua prima Olimpiade.

All’Alpensia Biathlon Centre era in programma oggi la prova di apertura, la 7.5 km sprint femminile, che ha visto la carabiniera di Sappada non andare lontano dal podio. Anzi, senza l’unico errore, commesso nella serie in piedi, sarebbe stata argento.
La sappadina, infatti, ha chiuso a 16″3 dal secondo posto occupato dal norvegese Olsbu, mentre per percorrere il giro di penalità ne servono circa 25″.
Dopo il primo poligono la nostra campionessa era seconda a 2″4 dalla compagna di squadra Dorothea Wierer (che poi commetterà due errori nella seconda serie e finirà 18a), dopo il secondo era quarta a 20″2 dalla tedesca Laura Dahlmeier, al traguardo come detto sesta a 40″ dalla stessa Dahlmeier, vincitrice del titolo. Bronzo per la ceca  Vitkova.

“Peccato per quell’errore ma nel biathlon ci sta, quindi non ho nessun rimpianto – dice Lisa -. C’era molto vento, ma era così per tutte, quindi non ci ho pensato, ho preferito concentrarmi sul mio ed infatti ho gestito al meglio il poligono. Sono fiduciosa per l’inseguimento di lunedì”.

Prossimo appuntamento per le ragazze lunedì 12 alle 11.10 con la 10 km ad inseguimento, mentre domenica 10 alle 12.15 si disputerà la 10 km sprint maschile con Giuseppe Montello.

SALTO CON GLI SCI

Assegnate oggi le prime medaglie olimpiche del salto con gli sci a Pyeongchang 2018.

Sebastian Colloredo

In palio i titoli dal trampolino piccolo HS109.

In gara anche i due ragazzi cresciuti nello Sci CAI Monte Lussari, il 30enne di Camporosso di Tarvisio Sebastian Colloredo e il ventitreenne di Malborghetto Federico Cecon, entrambi tesserati con il GS Fiamme Gialle.

Colloredo ha concluso al 42° posto, Cecon al 48°. Non hanno ottenuto l’accesso al secondo salto nemmeno gli altri azzurri Alex Insam e Davide Bresadola.

Prossimo appuntamento con il salto maschile sarà il trampolino grande HS140, con qualificazioni venerdì 16 e gara sabato 17.

Commenta con Facebook