Sbloccati dopo due anni i fondi per mettere in sicurezza il Forte di Osoppo

Sono stati ufficialmente sbloccati dopo più di due anni i soldi che serviranno a mettere in sicurezza il colle della Fortezza di Osoppo. Il relativo finanziamento del CIPE risale alla fine del 2017, ma solo lo scorso mese è avvenuta la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale. “Si tratta – spiega Lucio Feregotto, consigliere comunale con delega ai lavori pubblici che aveva già seguito l’iter da assessore della precedente amministrazione – di un milione e 180mila euro, fondi questi che ci consentiranno nello specifico di effettuare lavori a difesa degli edifici e delle strutture sottostanti al colle, in particolare via Moscovia e l’abitato di Borgo Olivi, dove non sono poi così infrequenti i crolli dovuti a micro smottamenti in occasione di piogge più consistenti del normale. Tutto era partito appunto nel 2017 da un incontro che io e l’ex sindaco Paolo De Simon avevamo avuto con l’allora assessore regionale all’ambiente Sara Vito e i tecnici del Servizio Geologico Forestale”. Nel frattempo altri interventi sono in corso. “Sono quelli – sottolinea Feregotto – che interessano la strada di accesso al Forte nel tratto dopo la chiesa di San Giacomo, resi possibili da un apposito contributo di 60mila euro che ci aveva assegnato nel 2018 la Protezione Civile. I lavori in oggetto, che dovrebbero durare un paio di mesi,  consistono nella verifica delle chiodature esistenti, nella verifica e ritensionamento dei tiranti, nell’ispezione e nei disgaggi di alcuni tratti del versante. Sono state sistemate le caditoie, in quanto pericolose e abbiamo pure eliminato la cunetta all’ingresso della chiesa di San Giacomo, per agevolare il percorso delle carrozzine dei disabili. Anche questo nel quadro generale di messa in sicurezza dell’area”.

Commenta con Facebook