Ripresi gli interventi da terra e dal cielo per il rogo in Val Resia – FOTO e VIDEO

Sono ripresi questa mattina all’alba i voli del canadair (che si rifornisce nel lago di Cavazzo) e di due elicotteri della Protezione civile regionale per continuare l’opera di spegnimento del vasto rogo divampato in Val Resia e che continua a preoccupare. Alle 14.00 di oggi salirà nella valle il vicegovernatore Riccardo Riccardi per verificare lo stato dei lavori per la realizzazione della variante alla strada ex provinciale ancora chiusa perchè a rischio caduta massi. Sarà presente anche il sindaco di Resia Anna Micelli. L’obiettivo è quello di poterla aprire entro la serata di oggi.

Encomiabile l’impegno del personale del comando vigili del fuoco di Udine che oltre ad aver inviato squadre in supporto al comando di Gorizia per l’incendio sul Carso, sta operando da tre giorni in Val di Resia. Ieri sono state impegnate le squadre del distaccamento di Tolmezzo e Cividale che sono a presidio della SS 13 e di alcune abitazioni a Prato di Resia, inoltre assieme al personale del Corpo Forestale Regionale e dei volontari AIB (Antincendio Boschivo) della Protezione Civile stanno bonificando alcuni focolai lungo le strade e nelle parti raggiungibili del bosco. Importante il lavoro dei mezzi aerei che da tre giorni stanno lanciando acqua sulla parte montuosa del bosco; oltre agli elicotteri regionali si sono avvicendati gli elicotteri dei Reparti Volo dei Vigili del fuoco di Venezia e Bologna e sono intervenuti anche due Canadair del Corpo Nazionale Vigili del fuoco.

Tra le ore 8.00 e le 18.00 di venerdì i vigili del fuoco di Udine sono intervenuti per altri tre incendi di vegetazione a Carlino, a San Vito di Fagagna e nel Parco del Cormor; fortunatamente questi tre roghi sono stati di entità minore e tutti risolti dalle squadre di terra in qualche ora.

Per quanto riguarda il Carso sono proseguite per tutta la giornata di ieri e sono riprese oggi le operazioni di bonifica dell’incendio tra Gorizia e Trieste. I Vigili del fuoco, il Corpo Forestale Regionale e i volontari AIB (Antincendio Boschivo) hanno vigilato sull’intera zona incendiata sia dal cielo che da terra spegnendo alcuni focolai residui. Anche le operazioni di lanci d’acqua da parte di Drago 71, l’elicottero del Reparto Volo dei Vigili del fuoco di Venezia, e degli elicotteri regionali sono proseguite per l’intera giornata. Dalla serata di ieri è stata ridotta la presenza dei Vigili del fuoco; rimane il PCA (Posto di Comando Avanzato) a coordinare le squadre di Gorizia e i moduli AIB di colonna mobile regionale dei comandi di Pordenone e Trieste. Rimane alta l’attenzione per un incendio boschivo nel territorio sloveno che in caso di cambio della direzione del vento potrebbe dirigersi verso il carso goriziano.