Revelant (AR): “La riforma sanitaria ha massacrato l’Alto Friuli”

“La riforma sanitaria della giunta Serracchiani ha massacrato l’Alto Friuli. Offensivo e incivile che un territorio possa contare sul servizio di pediatria solo due volte al mese. Avevo già fissato un incontro con il direttore Giancarlo Miglio per fare il punto della situazione e chiedere di potenziare i servizi, previsto per domani pomeriggio. Vista la situazione, l’appuntamento risponde a un’urgenza ormai evidente”.

Roberto Revelant

Così Roberto Revelant, consigliere regionale di Autonomia Responsabile, nell’annunciare il proprio “pieno e totale sostegno ai genitori, che devono continuare a farsi sentire con l’Azienda Sanitaria”.
Spiega Revelant: “Ci avevano raccontato che la riforma sanitaria Serracchiani – Telesca avrebbe potenziato il territorio e reso i cittadini più indipendenti dagli ospedali. In realtà, il sistema generale è collassato, tra tagli, disservizi e disagi. L’Alto Friuli, ancora una volta, ha pagato il prezzo più alto: l’ospedale di Gemona non è più tale, per quanto continuino a propinarci la favoletta della riconversione, mentre tutti i servizi si stanno progressivamente prosciugando. Non solo: un’azienda sanitaria che, storicamente, garantiva servizi e chiudeva in attivo, improvvisamente, si trova mutilata dai tagli e zavorrata da debiti in bilancio con ulteriori costi e disagi per gli spostamenti a totale carico dei cittadini. C’è qualcosa che non torna: come si spiega questo crollo, sia sanitario che amministrativo?”.

Chiude Revelant: “Domani pomeriggio mi confronterò con il prof. Miglio, facente funzione del direttore generale del distretto Gemona Valcanale e Canal del Ferro, sulla situazione generale, e chiederò rassicurazioni su diversi fronti. Evidentemente, il pediatra diventa la priorità assoluta, ma non mancano, purtroppo, altri punti all’ordine del giorno”.

Barbara Zilli

Sull’argomento Barbara Zilli, consigliera regionale della Lega Nord, ha già depositato una interrogazione alla Giunta affinché vengano esplicitati i motivi di questa scelta che definisce incomprensibile.

“Inqualificabile la scelta di ridurre il servizio di pediatria a soli due giorni al mese a Tarvisio – dice la Zilli -. L’incapacità della Giunta si vede anche da questi aspetti. Trascurare un importante servizio come quello del pediatra significa di fatto non voler investire sulle famiglie, tanto più in un periodo come questo in cui i genitori hanno la necessità di avere un confronto diretto con i professionisti, sia per quanto riguarda le malattie stagionali che colpiscono i più piccoli, sia soprattutto in tema di vaccinazioni per cui un numero sempre crescente di famiglie fa riferimento ai pediatri per le informazioni”.

“Investire sulle famiglie e sulla montagna significa prima di tutto investire sui servizi – conclude Zilli – in questo modo invece la Giunta non fa altro che impoverire il tessuto sociale di quei territori”.

Un pensiero riguardo “Revelant (AR): “La riforma sanitaria ha massacrato l’Alto Friuli”

  • 11 gennaio 2018 in 22:55
    Permalink

    Solo alcune cose: tre mesi per essere operata di ernia inguinale dolorosa e invalidante e sei mesi per una protesi d’anca che per l’attesa sta distruggendo anche l’altra. Medici mandati in ferie tre settimane alla volta con brevi intervalli per tenere le sale operatorie chiuse, infermiere stressate e sgarbate con turni disumani, medici sorvegliati e sfruttati sul lavoro, esami del sangue con attese umilianti (due tre ore) PS con 5 ore si attesa, servizi trasferiti a Udine con disagi notevoli per i paesi più lontani, ticket da ,cooperative per le pulizie che non puliscono e per gli sportelli che non sono in grado di svolgere il loro compito. Parola d’ordine “prima l’oncologia”.Chiedete ai malati oncologoci !!! Sembra proprio che oltre a massacrare la sanità siano convinti che i carnici siano imbecilli e che si possa raccontar loro qualsiasi storiella. Bravi: continuate così, ci vediamo il 4 marzo

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *