Referendum, ecco come è andata per Villa-Lauco-Raveo e Treppo-Ligosullo

Si sono chiuse le votazioni per i referendum sulla fusione di cinque comuni carnici: da una parte Villa Santina, Lauco e Raveo, dall’altra Treppo Carnico e Ligosullo. 

Le operazioni di voto si sono svolte dalle 7 alle 23, quindi è scattato lo spoglio. Non è previsto quorum per la validità della consultazione.

Nel caso di Treppo Carnico e Ligosullo complessivamente i Si hanno vinto, ma a Ligosullo i No sono stati maggioranza per 6 voti. Visto il carattere consultivo della votazione, spetterà ora al consiglio comunale del piccolo paese decidere se andare avanti comunque indicando alla Regione la propria volontà di proseguire l’iter (come il recente caso di Villa Vicentina) oppure se soprassedere e rinunciare al processo aggregativo (come lo scorso anno nel caso di Montenars).

Lo stesso discorso vale per Lauco, che ha visto i No esprimersi a larga maggioranza ma complessivamente i Si di Villa Santina e Raveo li hanno superati. Da ricordare però che c’è un accordo secondo il quale il No in uno solo dei Comuni porterebbe alla rinuncia della volontà di fusione. Quindi, se questo accordo verrà confermato, il comune Villa Lauco Raveo non nascerà.

I RISULTATI FINALI 


I DATI DI AFFLUENZA ALLE RILEVAZIONI DELLE ORE 12 E DELLE 19

COSA DICE LA LEGGE

La legge prevede che l’esito negativo del referendum non preclude l’esercizio dell’iniziativa legislativa della Giunta regionale e degli altri soggetti legittimati. Ciò significa che quest’ultima potrebbe essere portata avanti anche in caso di esito negativo del referendum in uno dei comuni coinvolti. La decisione, dopo un eventuale passaggio in consiglio comunale, passerà quindi al Consiglio regionale, che deciderà se approvare o meno la proposta di legge che dispone la fusione dei comuni. In sostanza, il referendum ha natura meramente consultiva; l’esito dello stesso non vincola giuridicamente il legislatore regionale ma lo indirizza nella scelta politica che lo stesso dovrà assumere approvando o meno la legge che dispone la fusione dei comuni.

 

Commenta con Facebook

2 pensieri riguardo “Referendum, ecco come è andata per Villa-Lauco-Raveo e Treppo-Ligosullo

  • 30 Ottobre 2017 in 18:39
    Permalink

    E’ chiaro che i cittadini potrebbero cambiare di opinione di fronte alla ipotesi di una fusione a due riservata solo a Villa e Raveo invece che di un’unione a tre

  • 30 Ottobre 2017 in 20:36
    Permalink

    Enemonzo? ? Non si fa niente per migliorare? …..che tristezza

I commenti sono chiusi