Prima edizione a Tarvisio per la “Fieretta dei piccoli musei”

Si è tenuta ieri pomeriggio, presso l’auditorium del centro culturale di Tarvisio, la prima edizione della “Fieretta dei piccoli musei”, iniziativa promossa dalla cooperativa pluriservizi Valcanale e dalla società Sprinter.

“Doveroso sottolineare l’importanza di iniziative del genere che hanno come obiettivo quello di stimolare gli ingressi, aumentare il numero dei visitatori, favorire il coinvolgimento delle comunità locali, fare conoscere la realtà e il valore dei piccoli musei agli enti pubblici, alle istituzioni e ai media, valorizzare il ruolo e le funzioni degli stessi, che non sono semplicemente una versione ridotta di quelli di grande dimensione – ha detto nell’occasione il sindaco Renzo Zanette -. Visitare il territorio di Tarvisio permette di vivere un’esperienza a contatto con la natura, le tradizioni, il folklore e l’enogastronomia locali. A tutto questo si aggiungono la cultura e la storia dei luoghi e dei suoi abitanti, che il visitatore può esplorare nei Musei Tarvisio, un insieme di strutture aperte al pubblico nel territorio comunale”.

Tarvisio propone una offerta diversificata di piccoli musei, dalla Miniera di Raibl e il suo Parco Internazionale Geominerario, al Museo storico militare “Alpi Giulie, dal Museo della tradizione mineraria all’Antiquarium di Camporosso fino al nuovo Museo della Dogana di Coccau. “Nei piccoli musei la prima risorsa sono le persone, chi ci lavora, chi cura le collezioni, chi ha aperto il museo, chi lo visita, i residenti che si identificano con il museo o che collaborano – aggiunge Zanette -. Anche la nostra Amministrazione comunale crede nell’importanza della presenza di questi piccoli musei: tante realtà collegate in rete per far conoscere ai nostri cittadini, soprattutto ai più giovani, e agli ospiti le nostre origini, la nostra cultura, la nostra storia e le nostre tradizioni”.