A Paluzza il Campionato Nazionale Ana di corsa in montagna

Nel contesto delle manifestazioni del “Centenario della I^ Guerra Mondiale”, il Gruppo A.N.A. Pal Piccolo di Paluzza ha organizzato sabato 17 e domenica 18 settembre il Campionato Italiano A.N.A. di corsa in montagna individuale, manifestazione che ricopre primaria importanza non solo nei riguardi della storia del Gruppo ma del Comune e della valle intera.

Il percorso individuato è omologato in quanto cinque anni fa si sono corsi i Campionati Mondiali Master ed è molto bello e vario. Comprende tratti in sterrato, tratti di ottima sentieristica e, per quanto riguarda l’attraversamento del paese di Paluzza, una parte in asfalto.

Alla gara nazionale, che vede la collaborazione della Sezione Carnica, dei 5 Gruppi A.N.A. dell’ Alta valle del But, dell’Amministrazione Comunale, dell’US Aldo Moro e delle varie Associazioni insistenti nel Comune, parteciperanno circa 500 atleti provenienti da tutta Italia, divisi tra le varie categorie.

PROGRAMMA

Sabato 17 – Apertura ufficiale delle manifestazioni

ore 16,30 – ammassamento presso la Caserma Maria Plozner Mentil : Alza bandiera indi a seguire sfilata sino al Monumento ai Caduti e poi sino in piazza 21 – 22 luglio ove verrà accesa la fiaccola olimpica e ci saranno le allocuzioni celebrative ed i saluti.-

Alle ore 18,00 S. Messa presso il Duomo di S. Maria di Paluzza.-

Alle ore 20, 30 presso la sala convegni del CESFAM, presentazione del libro “ La migliore gioventù” vita, trincee e morte degli sportivi italiani nella grande guerra- di Daniele De Nardi e Dario Ricci

Domenica 18 – ore 9,00 inizio gare del Campionato Italiano ANA

Ore 12,00 – pranzo conviviale degli atleti

Ore 14,00 – premiazioni

“Il nostro è un territorio pregno di quella storia della quale da ora e per quattro anni ricorderemo con innumerevoli cerimonie in tutto l’ arco alpino il centenario di quel fatidico 24 maggio 2015 – dice Dario Scrignaro, capogruppo del Gruppo A.N.A. dal Piccolo di Paluzza -. Ma soprattutto è forte di quella Caserma alpina dedicata all’ unica donna, all’eroina Maria Plozner Mentil, e sede fino alla fine degli anni ’80 di numerosi battaglioni e compagnie, fucina di grandi campioni a livello mondiale e nazionale, nonché grande balia di campioni nazionali A.N.A. sia nella corsa in montagna come nel fondo. Una storia lunga 95 anni”.