Natura e territorio in primo piano nelle scuole di Verzegnis

L’assessore regionale all’Istruzione, Loredana Panariti, ha visitato i laboratori creativi-espressivi per i bambini delle scuole dell’infanzia e primaria di Verzegnis, organizzati dal Comune e dall’istituto comprensivo di Tolmezzo in collaborazione con l’associazione Humus, nell’ambito del progetto denominato Un Germoglio per Crescere.

“È un progetto molto importante – ha affermato Panariti dopo l’illustrazione da parte della Giunta comunale – che mette in relazione diverse attività, dalla conoscenza del territorio a taluni aspetti teorici e pratici con l’intenzione di insegnare ai giovani cittadini di questo paese a valorizzare il posto in cui vivono”.

Collegato al piano insediamenti produttivi (Pip) del Comune di Verzegnis, prevede anche il recupero di 4 ettari di terreno immediatamente adiacente all’edificio scolastico della scuola primaria da affidare ad aziende del settore agircolo.

“Un Germoglio per Crescere – ha evidenziato ancora l’assessore regionale – va nella direzione di rafforzare le comunità della montagna e di creare sin da subito nei bambini piccoli un legame importante con la natura”.

“Normalmente noi seguiamo progetti di rete, ma qui – ha concluso Panariti – si tratta di un’iniziativa specifica e valuteremo insieme la possibilità di accompagnarla”.

“È determinante rilanciare un’offerta scolastica che possa attrarre anche allievi da fuori Verzegnis”, ha quindi commentato il sindaco Renzo Lunazzi, sottolineando la necessità “di un percorso scolastico verticale che permetta la continuità didattica e territoriale e che si proponga di creare la figura dell’alunno custode del proprio territorio”.

(foto di Aldo Rossi)

Commenta con Facebook

Un pensiero riguardo “Natura e territorio in primo piano nelle scuole di Verzegnis

  • 10 Settembre 2017 in 10:37
    Permalink

    “creare la figura dell’alunno custode del proprio territorio” credo sia una affermazione importante ed intelligente. Insegnare sin da piccoli ad amare e rispettare la natura non può che dare buoni frutti.
    Del resto ciò che accade con il clima da noi e nel resto del mondo ci deve far capire che la natura ha bisogno più che mai di rispetto e cura. Peccato che i governanti mondiali, con in prima fila il pazzoide americano, pensino solo al ritorno economico di certe azioni e non al futuro delle generazioni che ci seguiranno.

I commenti sono chiusi.