“Movinsi” e “Slowfood senza frontiere”, Euroleader a caccia dei fondi europei

Giovedì 25 luglio si è riunito a Tolmezzo presso la Sala Consiliare del Municipio il Comitato di Selezione Progetti (CSP) per valutare due nuovi progetti presentati a valere sulla strategia transfrontaliera HEurOpen. “HEurOpen” è la strategia transfrontaliera elaborata dai Gruppi di Azione Locale (GAL) Euroleader e Open Leader assieme al GAL della Regione di Hermagor nell’ambito del Programma di cooperazione Interreg V A Italia-Austria 2014-2020.

Il primo progetto a essere valutato è stato “Slowfood senza frontiere / Slowfood grenzenlos”, che vuole promuovere la cooperazione stabile e continuativa tra i produttori delle valli Gailtal e Lesachtal e i produttori dell’area del Gemonese. Partendo dall’esperienza maturata in Austria con il progetto Slow Food Travel e in Italia con la Comunità del Cibo del Gemonese, il progetto mira a condividere iniziative che servano a scambiare esperienze, prodotti, buone pratiche in materia di prodotti agroalimentari e cultura gastronomica. Nella regione Carinzia verrà proposto il mercato Slow Food “Terra Madre St. Daniel”, mentre in Italia verrà consolidato il “Mercato contadino” del Gemonese. Durante le manifestazioni produttori austriaci e italiani impareranno a conoscersi e condividere le loro esperienze.

Il secondo progetto, dal titolo “Movinsi!”, vuole promuovere il benessere e la socialità degli anziani dell’area HEurOpen, stimolando la pratica di attività motorie e la socializzazione anche con l’utilizzo e il supporto delle più moderne tecnologie. Per raggiungere questo obiettivo il progetto mette in rete le competenze di attori diversi  quelle scientifiche dell’Università di Udine – Facoltà di Scienze Motorie, quelle tecnologiche di IARA (un istituto di ricerca della Carinzia), quelle sociali dell’Azienda per i Servizi Socio Sanitari n.3 Alto Friuli-Collinare-
Medio Friuli e dell’associazione austriaca ALSOLE.

I progetti sono stati valutati sulla base di criteri di selezione formali e contenutistici, considerandone la coerenza generale con la strategia transfrontaliera HEurOpen, ma anche la sostenibilità economica, sociale e ambientale, il grado di innovazione proposto e il livello di sinergia con altri progetti. Il prossimo passaggio sarà la validazione dei due progetti da parte dell’Autorità di Gestione (AdG) in relazione alla conformità del Programma di finanziamento Interreg V-A Italia Austria.

Ulteriori informazioni sono disponibili sui siti web dei tre gruppi di azione locale: www.euroleader.it,
www.openleader.it, www.region-hermagor.at.

Commenta con Facebook